Foibe, Gasparri: «Troppe dimenticanze e intollerabili iniziative negazioniste»

sabato 10 febbraio 16:02 - di Redazione

«Sono passati 14 anni dall’istituzione, su iniziativa del governo Berlusconi, del Giorno del Ricordo per non dimenticare le atroci sofferenze patite dagli italiani gettati nelle foibe e quelle delle migliaia e migliaia di famiglie di nostri concittadini costretti a lasciare le loro terre. Il tempo non ha saputo rimarginare una ferita ancora aperta». Nel giorno dedicato alle vittime della violenza titina, Maurizio Gasparri sottolinea: «Ci sono state troppe disattenzioni, troppe dimenticanze e perfino intollerabili iniziative negazioniste o giustificazioniste».

Gasparri: «Foibe sottovalutate anche a scuola»

«Anche nelle scuole o attraverso i media  – aggiunge l’esponente azzurro – un pezzo importante della nostra storia comune è ancora sottovalutato se non ignorato. Si può e si deve fare di più per mantenere viva la memoria degli italiani torturati e dell’esodo giuliano-dalmata che ha nei comunisti di Tito gli unici colpevoli. Per anni, con la complicità del comunismo italiano, si è cercato di occultare la verità terribile delle foibe. Non per noi. Noi non abbiamo mai dimenticato quanto accaduto e viviamo come un dovere preservare la memoria di chi ha sofferto pene terribili con la sola colpa di essere italiano».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • maurizio turoli 12 febbraio 2018

    La sinistra filo-comunista ha mopolizzto la Cultura per oltre cinquant’anni.
    Fin che i post comunisca ed ipost democristiani si sinistra saranno al potere dobbiamo rassegnarci a vedere la Storia deturpato.
    Voglio solo ricirdare che la cacciata del Re fu decisa a Yalta (quindi la Resistenza c’entra poco) e che laRepubblica è giuridicamente nulla (Dottrina dello Stato) in quanto proclamata per Decreto reale

  • Mauro Garlaschelli 11 febbraio 2018

    …TOTALMENTE D’ACCORDO…