Firenze, centro per profughi trasformato in piazza di spaccio: nigeriano arrestato

Un centro per profughi trasformato in piazza di spaccio. I carabinieri della compagnia di Empoli (Firenze) hanno arrestato un cittadino nigeriano, 24 anni, ospite della struttura di via Val d’Orme, per spaccio di stupefacenti. Da tempo i militari avevano notato dei movimenti sospetti nei pressi del centro profughi, con auto che si fermavano poco distanti dall’entrata, profughi che uscivano, contrattavano con gli autisti per poi allontanarsi dopo pochi secondi. Nei giorni scorsi i carabinieri avevano recuperato già alcune dosi di eroina e ieri mattina hanno predisposto un servizio di osservazione per capire meglio i movimenti ed incastrare lo spacciatore: il tutto a debita distanza e ben nascosti tra i cespugli.
A metà mattinata è cominciato il via vai di clienti e sono stati segnalati e bloccati i primi due acquirenti: lo spacciatore è uscito dal centro, la macchina si è fermata nella piazzola che costeggia la strada e hanno effettuato lo scambio di droga. Poi il controllo ad Empoli dei militari in uniforme e il sequestro di due dosi di eroina (circa 3 grammi). Pochi minuti e un altro scambio con altri clienti, questa volta proprio davanti al cancello del centro di accoglienza: stesso modus operandi e stesso controllo dei carabinieri in uniforme nel centro di Empoli con un’altra dose sequestrata. Quindi la perquisizione nel centro profughi, prima nella camera dello spacciatore, che è stato immediatamente individuato e bloccato, poi all’esterno. Non è stato facile trovare lo stupefacente che veniva spacciato (10 grammi di eroina ancora da suddividere in dosi) che era stato ben occultato nei pali di sostegno di una tettoia ed era quasi inarrivabile. Anche l’unità cinofila ha avuto qualche difficoltà ma ha indirizzato i militari nell’area dove poteva trovarsi lo stupefacente.In effetti lo spacciatore doveva guardarsi bene oltre che da eventuali controlli delle forze dell’ordine anche dai responsabili del centro.

Infatti il nigeriano non ha mai spacciato in presenza di quest’ultimi:quando un cliente si presentava per attendere la dose non usciva nessuno e dopo qualche istante ripartiva per poi tornare in un secondo momento. Il nigeriano è stato quindi arrestato e stamani sarà giudicato per direttissima, mentre lo stupefacente è stato sequestrato in attesa delle determinazioni dell’autorità giudiziaria