«Fascisti ritornate nelle Foibe». A Pavia assaltano la fiaccolata (video)

Doveva essere un momento di raccoglimento per i martiri delle Foibe. I collettivi di sinistra di Pavia ne hanno approfittato per tendere un’imboscata a chi voleva ricordare le vittime dei comunisti di Tito. Come ricostruisce il Giornale, la tensione era già salita nei giorni scorsi dopo che la questura aveva autorizzato la fiaccolata del Ricordo e – per evitare scontri e tensioni – aveva vietato il presidio dell’estrema sinistra. Ma i collettivi, ignorando le disposizioni di polizia, si sono presentati ugualmente in piazza. «Eravamo in attesa – si legge in una nota dell’Associazione Culturale Recordari – di spostarci verso Piazza Italia per ricordare i Martiri delle Foibe, quando siamo stati assaltati da un gruppo di antifascisti». Da una strada laterale una cinquantina di persone ha tentato di aggredire i partecipanti della commemorazione. Le forze dell’ordine presenti sul luogo si sono mosse per arginare l’attacco, respingendo i collettivi.

Aggrediti dai collettivi durante la commemorazione delle Foibe

«È inammissibile che durante una commemorazione – scrivono dall’Associazione – che si è sempre svolta senza causare incidenti, venga messa a rischio l’incolumità dei tanti cittadini, tra cui bambini ed anziani, che intendevano prendere parte all’iniziativa». Il gruppo dei manifestanti infatti si è scagliato anche contro la polizia al grido di “pezzi di merda”, “figli di troia venite qua”. Ma anche “via i fascisti e la polizia”. I manifestanti di sinistra  hanno intonato: «Me l’hanno insegnato, uccidere un fascista non è reato». E ancora: «Fascisti via, tornatevene nelle Foibe».