Erdogan vuole ripristinare il reato di adulterio: e lo volevamo nella Ue….

mercoledì 21 febbraio 17:05 - DI Redazione

Il dittatore turco Erdogan non cessa di stupirci, e pensare che le sinistre italiane – e non solo loro – lo volevano far entrare a tutti i costi nella Ue. La Turchia ha fatto “un errore” quando nel 2004 ha accantonato l’ipotesi di reintrodurre il reato di adulterio. Ne è convinto il presidente turco Recep Tayyip Erdogan. “Credo sarebbe più che opportuno discutere di nuovo della questione dell’adulterio -ha detto Erdogan dopo il suo intervento davanti ai deputati del partito Akp-. E’ una vecchia storia. Bisognerebbe discuterne. Era già nelle nostre proposte. All’epoca ci siamo mossi in linea con le richieste dell’Unione Europea, ma abbiamo fatto un errore”. Nel 2004 Erdogan era primo ministro. Nel settembre di quell’anno – nel mezzo delle trattative sulla possibilità di aprire negoziati per la piena adesione della Turchia all’Ue – il Parlamento di Ankara approvò il nuovo codice penale che, dopo le proteste di Bruxelles, non conteneva la sezione che riconosceva l’adulterio come reato. C’è un secondo provvedimento che invece appare più ragionevole: Il governo turco studia l’ipotesi di introdurre la castrazione chimica per punire i responsabili di abusi sessuali sui minori. Da Ankara il ministro della Giustizia, Abdulhamit Gul, ha annunciato che il governo sta valutando una misura per “ridurre o eliminare” le pulsioni sessuali delle persone condannate per abusi sessuali sui minori. Un disegno di legge verrà presentato in Parlamento “entro pochi giorni”, ha detto il ministro secondo quanto riporta l’agenzia di stampa Dpa. Nei giorni scorsi dal sud della Turchia è arrivata la notizia dell’arresto di un ventenne accusato di aver violentato una bambina di quattro anni. Il presidente turco Erdogan ha minacciato “le pene più severe possibili” per i condannati per pedofilia e ha definito gli episodi di abusi sui minori come una “dinamite che farà crollare la nostra società”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • c.arcabasso1206@liber.it 22 febbraio 2018

    Adulterio, quindi aborti, quindi divorzi stanno disgregando l’occidente. Avevavvisto bene Boumedienne: conquisteremo l’Europa col ventre delle nostre donne! Prima la Nazione, poi il personalismo di Mounier.Ritornare a Sparta, a Platone , a Hegel altrimenti l’Europa collassa.

  • avv.ballicu@katamail.com 22 febbraio 2018

    Mino ha ragione silvio corteggia i camerati ma è un plutocrate

  • orlandofurioso25@gmail.com 22 febbraio 2018

    Cmq, per gli orrendi pedofili, la castrazione chimica ci sto. Se e’ vero del vent’enne che ha abusato di una bambina di quattro, due castrazioni.

  • minorizzo@tiscali.it 21 febbraio 2018

    Lasciamo perdere gli altri e guardiamo in casa nostra:SILVIO l’avrebbe fatto entrare nella U.E. molto prima degli altri, l’ho gia postato su questo giornale diverse volte. Di quello che fanno gli altri m’importa poco, quello che m’infastidisce sono le cavolate di coloro che(anche se io voto forza nuova)pretenderebbero di essere di destra.