Dramma a Troia: uccide la moglie e si conficca il coltello nell’addome

Un altro dramma. Violenza. Sangue. Una famiglia distrutta. Ha ucciso la moglie in piena notte accoltellandola probabilmente per motivi di gelosia. Poi si è piantato il coltello nell’addome ferendosi in modo grave. È accaduto a Troia, in provincia di Foggia, nell’abitazione della coppia in via Kennedy. La tragedia si è consumata durante un litigio. La vittima è Federica Ventura, 41 anni. Il marito, Ferdinando Carella, 48 anni, è ora ricoverato in ospedale dove è stato immediatamente sottoposto a un intervento chirurgico. È ancora in pericolo di vita.

La scena straziante
nell’abitazione di Troia

A chiamare i carabinieri sono stati i vicini di casa. Stavano infatti sentendo le urla e hanno capito che stava per capitare qualcosa di molto grave. Quando i carabinieri sono giunti sul posto si sono trovati di fronte a una scena straziante. L’uomo ha colpito la donna con sette coltellate. Era priva di vita. Il marito era riverso sul pavimento con ancora il coltello conficcato nell’addome. Le indagini sono coordinate dai carabinieri che  stanno ascoltando parenti e amici della vittima per cercare di ricostruire il contesto familiare in cui si è consumato l’omicidio. La coppia ra sposata e aveva due figli piccoli di otto e dieci anni. La causa scatenante sarebbe la gelosia.