Coniugi ottantenni seviziati e rapinati: denunciati (ma non arrestati) 4 rom

mercoledì 28 febbraio 18:46 - di Davide Ventola

I carabinieri di Rovigo hanno identificato quattro rom per la brutale rapina in stile Arancia meccanica avvenuta il 10 giugno 2017 ai danni di una coppia di anziani. La banda di malviventi ha fatto irruzione nel cuore della notte nella casa di due coniugi di Lendinara, lui 81 anni e lei 79. La gang, composta da sei persone incappucciate, ha tenuto sotto sequestro la coppia almeno un’ora, sotto la minaccia di una doppietta. I due sono stati tenuti sotto sequestro almeno un’ora, sotto la minaccia di una doppietta, presi a calci e pugni e ripetutamente minacciati.

Nel 2017 hanno depredato una coppia di anziani contadini

L’aggressione ha sconvolto l’anziana coppia di agricoltori in pensione: mentre i due erano tenuti bloccati sulle sedie, i malviventi ripulivano l’abitazione dell’azienda agricola. Un bottino di circa tremila euro tra contanti e oggetti di valore, ma la violenza e le sevizie inflitte agli anziani è ciò che ha più impressionato anche gli inquirenti.

Presi 4 rom, due banditi non ancora identificati

Le lunghe e articolate indagini compiute dai carabinieri di Rovigo da giugno dell’anno scorso a ieri, hanno permesso di risalire a una banda di nomadi che si è macchiata del reato di sequestro di persona e rapina. Si tratta di N.L., 18enne, minorenne all’epoca dei fatti e di un sedicenne – entrambi residenti nel campo nomadi di Ferrara – e di A. M., 28 anni, e L.M., ragazza di 24 anni, domiciliati invece nel campo nomadi di San Bellino. I quattro rom sono stati denunciati per rapina e sequestro di persona. Gli altri due complici ancora non sono stati identificati.

 

Commenti

Rispondi a Pierpaolo Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • gio 1 marzo 2018

    Subito due leggi : la prima sull’inasprimento delle pene (questi sono reati da 20 anni di galera, senza sconti di pena) e la seconda sulla legittima difesa : se mi entri in casa posso spararti in faccia.
    Vedrete che i rom cambierano aria subito…
    A proposito… ricordo “qualcuna” che diceva (a proposito dei rom) che la loro “cultura” va protetta, diffusa e fatta conoscere ai nostri giovani. Ogni commento mi pare superfluo…

  • Pierpaolo 1 marzo 2018

    Senza certezza della pena non vi è giustizia, Beccaria docet ….questi reati sono da carcere duro, che in Italia purtroppo non c’è. Vien da pensare : ma i nostri governanti non ce ne hanno figli o genitori anziani ?
    Non ci vuole una Laurea in Giurisprudenza per capire che dove non c’è pena da scontare, non c’è freno al delinquere…..mah ! °_°