Centrodestra unito in piazza il 1° marzo, Berlusconi dice sì e fa “felice” Giorgia Meloni

Silvio Berlusconi apre all’ipotesi di una manifestazione unitaria del centrodestra per la chiusura della campagna elettorale. «Non sono al corrente se mi è arrivato un invito da Salvini’ per partecipare alla kermesse del 1 marzo a Roma, ma – spiega il Cavaliere a “Coffee break” su La7- io non ho niente in contrario se c’è una manifestazione che vede insieme tutti i leader del centrodestra. Se fino ad ora non ho partecipato ad altri inviti da parte di Meloni, di Salvini e anche di tutti i miei, è perché -dice- io ho ritenuto che il mio tempo possa essere impiegato facendo interviste su stampa tv e radio, dove spero di poter fornire agli italiani tutte le informazioni necessarie per sapere come scegliere il 4 marzo’  “Ritengo che in questo momento fare delle manifestazioni all’interno di un teatro -sottolinea- con 500 persone che sono tutti nostri convinti sostenitori, sia meno proficuo che stare in tv a parlare a milioni di persone…». Se l’invito ufficiale arriva, lei il primo marzo potrebbe esserci sul palco comune ? «Si, sì, ritengo che sia una cosa giusta e producente -replica l’ex premier- dare a tutti i nostri elettori l’immagine di quello che è realmente la nostra coalizione. Una coalizione di persone leali».

«Felice che gli alleati stiano rispondendo positivamente all’appello di Fratelli d’Italia per fare una manifestazione comune. Importante dare un segnale di unità e lealtà gli elettori di centrodestra. Manifestazione unitaria il 1 marzo a Roma anche per dare la volata a Parisi nel Lazio», dichiara il presidente di Fratelli d’Italia e candidato premier, Giorgia Meloni, dopo le parole di Silvio Berlusconi che ha raccolto l’invito della Meloni e ha dichiarato di essere disponibile a fare una manifestazione unitaria il 1 marzo.