CasaPound: «Pronti a sostenere un governo sovranista con Salvini premier»

«Se c’è la possibilità di fare un governo sovranista che ci porta fuori dall’euro e fuori dall’Unione Europea e che blocca l’immigrazione, che sono i tre punti principali del nostro programma, siamo pronti a sostenerlo». Ad annunciarlo è Simone Di Stefano, candidato premier di CasaPound, ai microfoni di 24Mattino su Radio 24. Di Stefano, ragionando sulla possibilità di un governo sovranista, esprime delle “preferenze”, delle indicazioni: «Dovrebbe essere un governo che non ha Tajani premier e Brunetta all’economia, ma sarebbe un governo che dovrebbe avere un Salvini premier e un Bagnai all’economia».

Il leader di CasaPound specifica le modalità di questo appoggio a un governo a trazione Salvini: «Noi siamo pronti a sostenerlo esternamente – spiega Di Stefano – ovviamente la fiducia è una delle prassi per far nascere il governo, però, poi sarebbe un appoggio esterno. Non vogliamo ministeri, non vogliamo sottosegretariati». Niente poltrone,tiene a precisare. Per quanto riguarda le ipotesi di chiusura dei centri sociali, di Stefano ha spiegato che andranno fatte delle distinzioni precise: «Non tutti i centri sociali sono dei covi di violenza, ce ne sono alcuni che operano in un’altra maniera e che fanno iniziative a volte anche interessanti. Poi ce ne sono tantissimi che sono un covo di sciamannati che passano il tempo a predicare la violenza politica».