Barbare usanze, pakistano spara per festeggiare gli sposi: 3 morti

mercoledì 28 febbraio 17:56 - DI Laura Ferrari

Strage nel corso dei festeggiamenti di un matrimonio pakistano. Come si usa in alcuni Paesi (in particolare Iraq, Yemen, Arabia Saudita e Pakistan) gli sposi vengono festeggiati con colpi esplosi in aria da parte degli invitati, che si presentano armati di fucile mitragliatore e pistole. Al posto dei fuochi d’artificio, gli invitati portano armi da fuoco e nei momenti topici, esplodono raffiche in aria. O almeno tentano di farlo in aria. In più di un’occasione il matrimonio si trasforma in un bagno di sangue.

Non è la prima volta che un matrimonio pakistano finisce nel sangue

Non è la prima volta che un matrimonio pakistano finisce nel sangue

Il matrimonio pakistano finisce nel sangue

L’ultimo episodio, accaduto in Pakistan, è stato registrato dallo smartphone di uno degli invitati. La sequenza raffigura gli sposi che stanno danzando al ritmo della musica locale, mentre alcuni invitati sparano colpi di mitragliatore in aria. La prima raffica, sparata da uno degli invitati, crea solo un po’ di spavento ma senza conseguenze. Un altro invitato, armato anch’egli di Ak47, spara a sua volta in aria impugnando la mitragliatrice con una mano sola. Una scelta scellerata, dato che il rinculo dei colpi piega il braccio all’uomo che indirizza l’ultima raffica sulla pista da ballo. Le conseguenze sono state tragiche: i media locali hanno riportato che il folle gesto ha provocato tre morti. Non è il primo caso del genere, come si può vedere da scene simili, già verificatesi in passato, in Yemen, in Arabia Saudita e sempre in Pakistan. Paese che vai, barbara usanza che trovi.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Giuseppe Forconi 1 marzo 2018

    Mi raccomando Boldrini, non crede che abbiamo bisogno anche di questa cultura in Italia.? Faccia in modo di farne venire un 5/600 di loro, non si preoccupi per il sostegno, pagheremo noi con le nostre tasse, lo dica anche a Grasso e un colpo di telefono a Renzi tanto per stare sul sicuro.