Anche Mietta fu utilizzata dalla santona trans Sveva: “Sono distrutta”

Dopo l’arresta della santona Paola Catanzaro, in arte Sveva Cardinale, viene fuori che anche la cantante Mietta sarebbe stata coinvolta, a sua insaputa nelle truffe della transessuale che ha sottratto milioni di euro ai suoi fedeli quando era ancora uomo ed era conosciuta come “Paolo il mistico”. Lo rivela la trasmissione Le Iene, dopo l’operazione “Reservoir dog” della Guardia di Finanza che ha portato all’arresto di Catanzaro e del marito. L’inviata Veronica Ruggeri ha incontrato Mietta mostrandole le testimonianze di un imprenditore a cui la santona ha sottratto soldi facendogli credere non solo che l’avrebbe conosciuto e che addirittura avrebbe avuto una figlia con lei. Lei, ovviamente, è caduta dalle nuvole: “Incontro tante persone, alcune non sono perbene, forse voleva manipolarmi. Mi aveva raccontato che aveva avuto un tumore al cervello. Mi diceva sempre di pregare. Avevo notato che voleva fare tante foto…”. Quando le viene mostrato il video della testimonianza dell’imprenditore, Daniela ha aggiunto: “Questo è molto grave, questa cosa mi fa molto male. Non ne sapevo nulla. Allora dico che si merita il carcere”. Mietta ha ovviamente smentito qualsiasi tipo di coinvolgimento nella vicenda, dichiarandosi ignara del tutto di ciò che faceva “Sveva Cardinale”.