Almirante censurato, la Meloni ai “kompagni”: «Siete voi i seminatori di odio»

La sinistra è sinistra, non si smentisce. In questo caso penoso è la sinistra di Bari a fare una figura barbina vietando un convegno dedicato a Giorgio Almirante. La reazione di Giorgia Meloni non si fa attendere: «La sinistra barese vorrebbe vietare un convegno dedicato a Giorgio Almirante. Ancora oggi i “kompagni” cercano di censurarlo. Lui più di trent’anni fa si presentava, senza scorta, al funerale del suo acerrimo avversario politico (Berlinguer), in segno di rispetto. Che ci volete fare. Si chiama superiorità morale della destra».

Il post delirante di Annalisa Pandanale (LeU)

Ancora infamità alla base del divieto: «In un momento di pericolosa recrudescenza di fenomeni che incitano all’odio razziale, ti chiederei di rivalutare il patrocinio concesso al convegno su Giorgio Almirante». L’autrice di questo “invito” al sindaco di Bari, Antonio Decaro è la  parlamentare di Liberi e Uguali, Annalisa Pannarale, che non si vergogna di accostare il nome di un uomo come Almirante, uomo di pacificazione da tutti riconosciuto come tale,  all’ “odio razziale”. Parole folli in libertà, il suo post su Fb è delirante: la Pannarale parla di “un brutto segnale, di una nota stonata, riferendosi al convegno. Poi condisce lo sproloquio con note di ignoranza storica imbarazzanti. Parla di Almirante come «una figura che ha partecipato attivamente all’epoca buia del Ventennio fascista ed ha promosso le leggi razziali con le conseguenze che conosciamo tutti». L’esponente di LeU conclude quasi imponendo a De Caro il nient nel lungo post su Fb: « Caro Antonio, credo che questi piccoli gesti saranno apprezzati da tutto il popolo democratico e antifascista». Senza commento, i seminatori di odio sono loro.