Aggressione alla Meloni, 21 estremisti indagati. Ecco i reati contestati

sabato 17 febbraio 17:59 - DI Redazione

I teppisti comunisti che martedì scorso hanno aggredito Giorgia Meloni a Livorno non la faranno franca. Dopo alcuni accertamenti, risulta che sarebbero ben 21 le persone indagate. Si tratta di almeno 14 uomini e di 7 donne. Ricordiamo che l’auto della leader di Fratelli d’Italia è stata colpita da calci e da sputi da un gruppo di esagitati che le hanno impedito di tenere un comizio nella città toscana.  Per 20 facinorosi l’accusa che è stata formalizzata dalla Digos e dalla Procura è quella di aver impedito una riunione di propaganda elettorale. Inoltre per alcune di questi individui sono stati ipotizzati anche i reati di resistenza a pubblico ufficiale, violenza privata, minacce e lesioni. Solo uno è indagato per manifestazione non autorizzata. L’episodio aveva suscitato indignazione nel mondo politico. Numerose erano state inoltre le attestazioni di solidarietà per la Meloni. Ma non finisce qua:  adesso le indagini andranno avanti per identificare gli altri responsabili che hanno partecipato all’aggressione. Potrebbero esserci duqnue nuovi indagati nei prossimi giorni. Speriamo che questa lezione basti a placare tante teste calde antifasciste.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • italagermana@hotmail.it 19 febbraio 2018

    non sarebbe ora di avere un presidente donna??? magari arriveremmo realmente a una -parità di sessi-(veri), e poi lasciamo avanzare finalmente i giovani!!!!

  • Tino_C@libero.it 18 febbraio 2018

    Coe già viste dagli squadristi rossi durante il biennio rosso 1919 1921

  • Caporaletti.pietro@sfr.fr 18 febbraio 2018

    tutti s*****.

  • JORGROSJ69@GMAIL.COM 18 febbraio 2018

    SIAMO ALLO SFASCIO TOTALE…

  • lanzamarinella58@yahoo.it 18 febbraio 2018

    Giustissimo …..speriamo che la giustizia sia applicata e non interpretata……..

  • 3nzosk@gmail.com 18 febbraio 2018

    Chiudere i centri sociali, tassare le cooperative.

  • gcarrassi1938@gmail.com 18 febbraio 2018

    a questi esseri immondi comunisti ( bolscevici) che con L’ITALIA non hanno nulla a che spartire
    gli farei fare la fine che i comunisti titini fecero con gli ITALIANI Iin ISTRIA (Buttati negli antri
    piu’ recessi della penisola italiana, senza processi od altro, senza spendere una parola in piu’.

  • robybors@virgilio.it 18 febbraio 2018

    Spero che la Meloni, o chi per essa, dia seguito a queste denunce……è ora di far pagare a questa gentaglia comunista le loro azioni di violenza finora gratuite !!!!! E’ ora di finirla di fare il bue che dice cornuto all’asino !!!!!

  • riccardo.castagnoli@teletu.it 18 febbraio 2018

    È l’ITALIA violenta che vogliono i comunisti impuniti, io li invierei nel kulag ai lavori forzati con il compagno stalin.

  • cesarezac@gmail.com 18 febbraio 2018

    Una tale genia di teppisti che si rendono colpevoli di una inaccettabile violenta intolleranza caratteristica che loro attribuiscono ai “fascisti” .

  • mgm48@libero.it 18 febbraio 2018

    che vadano veramente avanti le indagini fino a giungere ai capi politici, che analizzino i loro discorsi. la storia delle brigate rosse insegna. Solidarietà a Giorgia

  • Giuseppe Forconi 18 febbraio 2018

    Ora dovreste spremere per benino gli indacati e farvi dire chi e’ il mandante che organizza queste chiassose e pericolose manifestazioni. E’ chiaro che in seno ad una democrazia ogni partito buono o cattivo e libero di propagandare come permesso dalla costotuzione, pertanto se hai bastardi signori comunisti non piace la presenza della Meloni, non fanno altro che andarsene a casa, questo democraticamente parlando, ma si sa che i comunisti non sono demolcrati ma semplice belve affamate.

  • caput.enrico@gmail.com 18 febbraio 2018

    Dipendesse da me,questi teppistelli da strapazzo,delinquenti abituali e sociopatici,si beccherebbero almeno 10 anni di lavori forzati con la palla al piede!

  • laurabovati@yahoo.it 18 febbraio 2018

    E poi si preoccupano che stia rinascendo il partito fascista…

  • giorgio.conti@unipr.it 18 febbraio 2018

    ……ma loro sono democratici ed anti violenti, centri sociali,antagonisti,maoisti e sodali presenti anche in Parlamento.purtroppo, loro fanno le manifestazioni contro il razzismo e contro i rigurgiti vari, loro scrivono nei loro cartelli”basta con la violenza contro i neri”, loro irridono ai defunti delle foibe,loro sono il “modello perfetto di democrazia”; come diceva l’anonimo uomo qualunque” andiamo bene!!!!!! “

  • stefano_risso@libero.it 18 febbraio 2018

    auguriamoci che non incontrino un giudice arrendevole se no’ ,il lavoro delle forze dell’ordine risultera’ vano

  • Valagussa@lispa.it 18 febbraio 2018

    Scordatevi che saranno condannati, troveranno un giudice di sinistra e buonista che li assolverà, questa è l’Italia…… purtroppo.

  • angeloprof58@libero.it 18 febbraio 2018

    Centri sociali= criminali peggio delle SS !

  • DELAUVIT@INWIND.IT 18 febbraio 2018

    se vincera’ il centro destra riemergeranno tutti i topi di fogna addormentati durante questi anni di governo impostoci dall’europa sinistra che ha fatto piangere milioni di italiani…benito ritorna

  • annabuonfiglio@mail.com 18 febbraio 2018

    Vergogna! Una giovane sempre impegnata e coerente! Guardiamo da quale parte sta’ quello che qualcuno chiama fascismo!
    Auguri Onorevole!

  • enzo_altieri@libero.it 18 febbraio 2018

    tutti in galera e buttate la chiave!!!!

  • fabs@ymail.com 18 febbraio 2018

    chiudendo i centri sociali, questi brutti fatti non avengono, questi parassiti sono pagati per fare casini.

  • 17 febbraio 2018

    Era ora di placare i toni e, ognuno propagandare le proprie idee in tutta libertà, diversamente non sarà più democrazia e libertà. O.No?.