Aggressione alla Meloni, 21 estremisti indagati. Ecco i reati contestati

I teppisti comunisti che martedì scorso hanno aggredito Giorgia Meloni a Livorno non la faranno franca. Dopo alcuni accertamenti, risulta che sarebbero ben 21 le persone indagate. Si tratta di almeno 14 uomini e di 7 donne. Ricordiamo che l’auto della leader di Fratelli d’Italia è stata colpita da calci e da sputi da un gruppo di esagitati che le hanno impedito di tenere un comizio nella città toscana.  Per 20 facinorosi l’accusa che è stata formalizzata dalla Digos e dalla Procura è quella di aver impedito una riunione di propaganda elettorale. Inoltre per alcune di questi individui sono stati ipotizzati anche i reati di resistenza a pubblico ufficiale, violenza privata, minacce e lesioni. Solo uno è indagato per manifestazione non autorizzata. L’episodio aveva suscitato indignazione nel mondo politico. Numerose erano state inoltre le attestazioni di solidarietà per la Meloni. Ma non finisce qua:  adesso le indagini andranno avanti per identificare gli altri responsabili che hanno partecipato all’aggressione. Potrebbero esserci duqnue nuovi indagati nei prossimi giorni. Speriamo che questa lezione basti a placare tante teste calde antifasciste.