Uma Thurman contro Tarantino: sapeva di Weinstein ma ha taciuto per anni (video)

Aveva fatto capire di essere stata una delle vittime di Harvey Weinstein con un post su uno dei suoi social nel quale affermava di avere ottimi motivi per essere arrabbiata, usava l’hashtag #metoo – comunemente utilizzato per denunciare molestie sessuali in relazione alla vicenda Weinstein – e augurava un buon giorno del Ringraziamento a tutti tranne che, utilizzando il nome proprio del produttore, ad Harvey, al quale diceva «non meriti neanche una pallottola». Ma ora l’attrice Uma Thurman esce allo scoperto. E, con una lunga intervista a Maureen Dowd sul New York Times, svela cosa è realmente accaduto con Weinstein puntando, a sorpresa, il dito, anche contro il regista Quentin Tarantino.
Un’accusa di non poco conto visto che la Thurman ha condiviso un momento importante della sua carriera proprio con Weinstein come produttore e con Quentin Tarantino come regista, ovvero il successo di “Kill Bill“.
Anche a quel successo è legata la sua rabbia, una «emozione complessa» verso il produttore causata anche dalle tante aggressioni ad altre donne che ha compiuto dopo quella nei suoi confronti.
L’attrice ricorda poi che il film “Kill Bill” è stato «un simbolo della lotta delle donne» e quindi in tante accettarono di incontrare da sole Weinstein in luoghi come camere d’albergo proprio perchè lui era legato a quel film e loro erano «convinte che chiunque avesse raggiunto una tale posizione non avrebbe mai fatto nulla di illegale».

Nel suo specifico caso l’attrice racconta che il produttore si era spogliato in sua presenza nel suo albergo a Parigi, in occasione di un colloquio dopo il successo di “Pulp Fiction” del 1994, ma che lei allora non si sentì minacciata e pensò solo che fosse eccentrico, bizzarro.
Un successivo episodio, a Londra, fu però più diretto e violento: «E ‘stato come un colpo alla testa. Mi ha spinto. Ha provato a “esibirsi”. Ha fatto ogni genere di cose spiacevoli ma non ha utilizzato tutta la sua forza per costringermi. Ero come un animale che cerca di sfuggire alla presa, come una lucertola. Io facevo tutto il possibile per riprendere il controllo della situazione»
Dopo quell’episodio Uma Thurman fece sapere a Weinstein che se avesse fatto la stessa cosa ad altre donne le gli avrebbe rovinato la carriera, la reputazione, i rapporti familiari, ed a più riprese raccontò a Tarantino l’accaduto ma solo molti anni dopo il regista di “Kill Bill” affrontò Weinstein, che si scusò.
Nella stessa intervista a Maureen Dowd sul New York Times l’attrice racconta infine che sul set di “Kill BillTarantino la forzò a girare in prima persona una scena nella quale dove guidare in velocità un’auto su una strada dal fondo poco aderente e fiancheggiata da palme, lei perse il controllo della vettura che si schiantò contro una palma causandole problemi fisici ancora oggi non risolti, lamentando un atteggiamento tutt’altro che solidale da parte di produttore, cioè Weinstein, e regista, Quentin Tarantino, appunto.