Youtuber senza freni: Logan Paul mostra il corpo del suicida e ridacchia (video)

giovedì 4 gennaio 12:29 - DI Valeria Gelsi
logan-paul-video-suicidi

Ridacchia lui, ridacchiano gli amici. Tutti appaiono più compiaciuti del “colpaccio” che sconvolti per quello che si sono trovati davanti agli occhi. È la parte più irritante del video in cui la webstar Logan Paul, youtuber americano da oltre 15 milioni di follower, mostra il corpo di un uomo morto, trovato nella tristemente nota “Foresta dei suicidi” di Aokigahara, in Giappone.

Logan Paul costretto a scusarsi

Logan Paul è stato travolto dalle critiche e, non prima di aver collezionato 6 milioni di visualizzazioni, ha rimosso il video, postandone poi uno di scuse. «Volevo creare una ondata positiva in Internet e accrescere la consapevolezza nella prevenzione del suicidio, non quello di creare un monsone di negatività. Sono stato sviato dall’idea di scioccare e sbalordire», si è giustificato lo youtuber, senza però riuscire a convincere. Le parole di scuse, infatti, non riescono in alcun modo a cancellare le immagini del filmato originale, da cui francamente non emerge alcuna consapevolezza di fronte al dramma della morte e, ancor più, del suicidio.

Il video continua a circolare su youtube

Benché rimosso dall’autore, il video di Logan Paul e dei suoi amici nella “Foresta dei suicidi” continua a circolare su youtube, per lo più opportunamente censurato nella parte in cui si indugia sul cadavere. Una sensibilità che la 22enne webstar non aveva avuto: lo youtuber ha offerto agli occhi dei proprio seguaci, che si immagina essere per lo più ragazzini, il vilipendio mediatico del corpo del suicida, di cui ha mostrato tutto tranne il volto.

Le risatine dello youtuber e dei suoi amici

Nei video rilanciati da altri youtuber resta così solo l’oscenità delle risatine e dei gridolini eccitati di Logan e dei suoi amici di fronte a una scoperta drammatica, ma non del tutto casuale. Lo youtuber e la sua cricca, come spiegato nel filmato, sapevano esattamente dove si trovavano e, anzi, avevano deliberatamente scelto quel posto come “set” del loro filmino. Una sceneggiatura in cui l’unico vero elemento casuale è l’incontro con un uomo del posto, il quale introduce un elemento di autentica umanità, che amplifica l’effetto dell’idiozia dei giovani americani: «Bisogna chiamare la polizia, dobbiamo chiamare la polizia», dice l’uomo – lui sì – davvero sconvolto, rimanendo poi sullo sfondo, quasi a protezione del corpo, mentre Logan Paul e i suoi continuano a commentare e ridacchiare.

Il video di Logan Paul rilanciato da un altro youtuber

Il video di scuse di Logan

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *