Ulivieri col pugno chiuso presenta l’album Panini, l’ira di Rampelli: «Vergognoso»

giovedì 18 gennaio 10:34 - DI Augusta Cesari

«L’album Panini è un’icona sacra del calcio. Chiunque abbia amato questo sport ha collezionato e scambiato le figurine dei calciatori, un vero e proprio rito che si consumava nei corridoi delle elementari e delle medie. Ora vedere il rappresentante degli allenatori della Figc, Ulivieri, che fa il pugno chiuso durante la presentazione dell’album è un insulto inaccettabile». Siamo tutti avvelenati contro questo sfregio  puramente gratuito consumato da Renzo Ulivieri e bene ha fatto il capogruppo di Fratelli d’Italia Fabio Rampelli a stigmatizzare il gesto con veemenza. Fabio Rampelli fa di più e ha deciso di presentare un’interrogazione al ministro dello Sport, Luca Lotti. Il problema è che questa foto sta facendo il gro del mondo. «Non si capisce per quale motivo -aggiunge- sia stata scelta questa come immagine da diffondere per la cosiddetta ‘photo opportunity’», spiega Rampelli. «Non si può sporcare uno dei simboli del calcio per antonomasia in una sezione del Politburo del comitato centrale del Partito comunista sovietico. Stupisce il silenzio delle istituzioni sportive e dei ‘compagni’ di foto’».

Album Panini, lo “sfregio” di Ulivieri

L’album dei calciatori delle figurine Panini è uno dei simboli della passione calcistica che nasce fin da bambini con la collezione dei beniamini della propria squadra e non solo. Un album che ha sempre costituito un momento di condivisione, soprattutto da piccoli. Il pugno chiuso è sicuramente un gesto divisivo e fuori contesto. L’insensibilità di Ulivieri si commenta da sé. Notoriamente quando scende in campo da allenatore usa fare il gesto caro ai veterocomunisti, senza che nessuno abbia mai gridato allo scandalo, come al contrario accade quando qualche giocatore fa il saluto romano. Qui con l’album Panini siamo in un ambito ben diverso, ma per Ulivieri e altri compagni di foto, fa lo stesso, e non colgono lo sgarbo profondo dietro questo gesto. Pensate se fosse accaduto con un gesto di opposto significato politico…

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • josep.porta999@gmail.com 18 gennaio 2018

    Sappiamo che in questa libera democrazia ci sono gesti fatti da personaggi che meritano il rogo mentre altri gesti di uguale peso fatti in nome della libertà voluta dall’ANPI e compagnia marcia

  • an.marconcini@gmail.it 18 gennaio 2018

    L’ onorevole Rampelli è stato fin troppo gentile a definire il gesto del signor Ulivieri semplicemente vergognoso.Il pugno chiuso è simbolo di sopraffazione e dittatura , è quindi un gesto spregevole e offensivo per tutti quelli che credono nella democrazia .La cosa che più mi fa male è che pochi si indigneranno e stigmatizzeranno lo squallore di quella foto.Spesso sono stato molto duro nei confronti di chi esaltava o considerava normale fare il saluto romano o sventolare svastiche e croci celtiche ma ho sempre condannato allo stesso modo pugni chiusi e bandiere rosse sbiadite con falce e martello. Sono orgoglioso di dire ciò che penso ,di ragionare con la mia testa e soprattutto di essere arrivato alla ferma convinzione che la verità non debba assolutamente essere la prerogativa di nessuna ideologia spec. politica.

  • giorgio.precetti@alice.it 18 gennaio 2018

    Simbolo di schifoso fanatismo comunista

    • Ferruccio Silvano Bravi 18 gennaio 2018

      Ben detto. Consoliamoci: le elezioni imminenti spazzeranno via definitivamente gli ultimi putrefatti avanzi del partico comuni8sta.