Trump assegna i “premi fake news” e ridicolizza chi ha scritto balle su di lui

Fango, solo fango. Gettato per motivi politici. Perché l’elezione di Donald Trump ha dato fastidio a tanti. A troppi. A tutto l’apparato clintoniano e non solo. A tutti i poteri che si appoggiavano ai democratici. Ma ora il presidente statunitense li smaschera. E indica i colpevoli dell’offensiva mediatica lanciata contro di lui. Il New York Times si è aggiudicato il primo premio per le Fake News creato dallo stesso Trump attraverso il Comitato nazionale repubblicano sul cui sito sono stati pubblicati i vincitori.

Sono undici in totale le storie denunciate dal presidente che si è comunque sentito in dovere di…

Per continuare a leggere l'articolo Abbonati o Accedi