Tragedia a Cremona, uccide la moglie con una mannaia e massacra un bimbo di 3 anni

Si è consumato sotto gli occhi dei passanti un delitto efferato commesso a Cremona. Un uomo ha ucciso la moglie a colpi di mannaia e, come poi è stato scoperto dagli investigatori accorsi sul posto, ha ferito in modo gravissimo un bimbo di tre anni, disabile, figlio di una amica alla donna. Il bimbo, che era stato affidato dalla madre alle cure della vittima, è apparso subito in condizioni disperate. Ricoverato d’urgenza, il piccolo è morto all’ospedale Maggiore.

Il massacro sotto gli occhi dei passanti

L’omicidio si è consumato intorno alle 10 del mattino. Sono stati i passanti ad allertare le forze di polizia, dopo aver visto su un balcone un uomo, poi risultato essere un cittadino cinese di 51 anni, che all’apparenza sembrava stesse infierendo su una donna con un bastone. Un volta giunti nell’appartamento, in un palazzo di case dell’Aler al quartiere periferico di Cremona, Zaist, i carabinieri e il 118 si sono trovati di fronte un quadro agghiacciante: la donna, una 46enne anche lei cinese, era morta e il suo corpo giaceva ancora sul balcone, visibile dalla strada; il bambino, immobilizzato su una sedia a rotelle, era stato a sua volta massacrato dall’uomo, anche se inizialmente era sopravvissuto. Si è salvato, invece, il figlio 13enne della coppia, che sarebbe rientrato a casa subito dopo la tragedia. Il ragazzino è stato affidato ai servizi sociali.

I carabinieri di Cremona al lavoro sul delitto

L’uomo è stato portato in caserma, dove gli investigatori hanno cercato prima di tutto di capire cosa abbia scatenato tanto violenza. Secondo le prime ricostruzioni, il massacro sarebbe avvenuto al culmine di una lite. Ma le indagini vanno avanti per comprendere esattamente dinamica e movente.