Sonnino, grande successo per il libro “Donna Rachele, mia nonna”

mercoledì 17 gennaio 18:04 - di Redazione

La giornata del 13 gennaio scorso a Sonnino per la presentazione del libro Donna Rachele mia nonna, la moglie di Benito Mussolini è stato un grandissimo momento dall’alto valore storico e culturale. Edda Negri Mussolini, invitata dall’associazione “Sonnino in Azione” che ha curato l’evento, ha parlato del suo libro nell’Auditorium comunale San Marco gremito per l’occasione; moltissime persone hanno partecipato all’evento, molti anche i partecipanti venuti da diversi comuni della provincia di Latina. Molte le tematiche affrontate da Edda nella presentazione, soprattutto sulla figura di Donna Rachele Guidi, che affrontò con grandissima dignità e coraggio tutte le tragedie che trovò lungo il cammino della sua vita, ma anche le grandi gioie come il grande amore per il suo uomo Benito, i figli e soprattutto il rimanere sempre se stessa con la sua umiltà e semplicità anche quando il Duce fu all’apice del consenso e del potere. Pieni di riflessione e di emozione sono stati i momenti in cui Edda ha raccontato la malattia della madre Anna Maria in tenera età una prova durissima anche per il Duce al punto di pensare di abbandonare tutto politica e governo; la morte di Bruno in un incidente aereo e il grande dolore della famiglia; sua zia Edda Ciano e la tragedia della condanna del marito Galeazzo che portò allo scontro durissimo con suo padre Benito; la tragica fine di Mussolini, piazzale Loreto; la prigionia alla fine della guerra di Donna Rachele insieme ai figli e il confino; e poi la vita di tutti i giorni e i momenti felici. Infine i suoi ricordi da piccola sempre in compagnia della nonna Rachele. Il pubblico presente fino alla fine, molto coinvolto ha partecipato con grande attenzione ed interessamento non ha fatto mancare applausi e calore ad Edda Negri Mussolini. Un grande risultato per Sonnino in Azione, con l’obiettivo pienamente raggiunto, una grande giornata di storia e di cultura raccontata dal punto di vista di chi quella storia da tanti raccontata in modi differenti, diversi e molto spesso contraddittori, l’ha vissuta sulla propria pelle e nella sua famiglia, raccontandone il lato umano senza alcuna presa di posizione ideologica. Un grande balzo in avanti per una storia condivisa che deve obbligatoriamente essere di tutti.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *