Si allungano le vacanze: l’8 gennaio scioperano maestri e professori

mercoledì 3 gennaio 20:01 - DI Redazione

Si allungano di un giorno le vacanze natalizie. Ma non è una decisione del ministro Fedeli  bensì l’effetto dello  sciopero generale indetto dai Cobas e al quale hanno aderito 8 sigle tra cui l’Anief. Maestri e professori si asterranno dal lavoro il primo giorno dopo il rientro, l’8 gennaio per protestare contro la sentenza del Consiglio di Stato che ha dichiarato che il diploma magistrale non è un titolo abilitante. Sono circa 50 mila i maestri della materna e della primaria che sono nelle graduatorie ad esaurimento – 5.300 hanno anche ottenuto il ruolo con riserva in attesa della sentenza definitiva in questi ultimi anni – e che ora rischiano addirittura la cancellazione. Mercoledì 4 gennaio una delegazione verrà ricevuta al Miur per cercare di trovare una via d’uscita in tempi non troppo lunghi, ma sembra che lo sciopero sia inevitabile.  Per evitare disagi alle famiglie molti dirigenti hanno inviato sul registro elettronico le indicazioni della scuola per organizzare la giornata in base alle presenze degli insegnanti. I sindacati intanto ricordano che non è necessario dichiarare la propria partecipazione alla protesta, è sufficiente non presentarsi a scuola quel giorno. Alle 9.30 di lunedì prossimo è prevista anche una manifestazione davanti al ministero dell’Istruzione. Intanto Liberi e Uguali in Parlamento ha chiesto che venga prvisto un concorso apposito per questi insegnanti.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • giuseppe_l_aprile@libero.it 5 gennaio 2018

    Contro una sentenza non si sciopera. Non è una decisione politica.

    • emanueleconte@hotmail.com 5 gennaio 2018

      lo sciopero non è contro la sentenza è contro i vari ministri che si sono succeduti dal 1998!! siete poco informati o fingete di essere tali

    • mg@ubertireplicas.it 5 gennaio 2018

      Mettiti nei panni dei 50mila insegnanti che si trovano a spasso dopo le varie promesse del governo. DOVREBBERO FARE SCIOPERO AD OLTRANZA