Salvini chiude la porta a Lupi e Tosi. «No a chi ha sostenuto la sinistra» (video)

«A me piace lo stesso Orietta Betti, anche se vota Di Maio…». Matteo Salvini scherza sull’endorsment fatto dalla nota cantante in favore di Luigi Di Maio (video) ma guarda avanti, al suo centrodestra. «Ancora non abbiamo deciso quando vederci. Oggi è lunedì, contiamo di farlo entro la settimana ma non l’abbiamo ancora stabilito», dice il leader della Lega, che conferma che domani si riunirà nuovamente il gruppo di lavoro dei partiti che compongono la coalizione di centrodestra sulle candidature: «Sì partono loro – spiega- e poi chiudiamo noi nel fine settimana, tranne che non ci siano altre questioni». Il leghista  si esprime anche sulla questione del Lazio: «Noi lavoriamo per unire, lo abbiamo fatto in Lombardia e lo vogliamo fare in tutta Italia. Speriamo che nelle prossime ore esca finalmente il nome del candidato per la Regione Lazio. Quello del sindaco di Amatrice Sergio Pirozzi è uno dei nomi. Lo stimo come uomo e sindaco, si sceglie come squadra e noi siamo a disposizione della squadra».

In tema di alleanze, il leader leghista si mostra scettico sulle possibili intese con i grillini: «Punti in comune sul tema immigrazione con il M5S? A parole. Ieri Di Maio, dopo anni, ha detto che bisogna aiutare prima gli italiani rispetto agli immigrati. Bene, lo dimostri nei fatti: la Lega sarà l’unico movimento nazionale a chiamare in piazza 50mila persone -sabato 24 febbraio a Milano- lanciando la proposta ‘Prima gli italiani’. Se Di Maio vuole passare dalla parole ai fatti, la piazza è anche a sua disposizione».

Infine, il tema dei possibili rientri nel centrodestra dei fuoriusciti nell’ultima legislatura, da Lupi a Tosi. Qui Salvini chiude le porte: «Penso che gli italiani chiedano coerenza, lo ribadirò agli alleati: imbarcare chi ha governato per anni con la sinistra non porta voti ma fa perdere voti e coerenza». Video.