Salmonella, i francesi rassicurano: non abbiamo spedito Lactalis in Italia

A oggi, le autorità francesi non hanno comunicato, tramite il sistema di allerta comunitario (Rasff), l’esistenza di lotti della ditta Lactalis spediti verso il nostro Paese. È quanto annuncia il ministero della salute, a seguito delle notizie diffuse dai mezzi di informazione relative a lotti di formule per l’infanzia prodotti in Francia dalla ditta Lactalis che risultano contaminati da salmonelle. Il ministero della Salute, a titolo precauzionale, ha comunque già avviato interlocuzioni con la Commissione europea e direttamente con le Autorità Francesi, per sollecitare ulteriori informazioni su Paesi e lotti interessati e resta in continuo contatto con entrambe attraverso il sistema di allerta comunitario per seguire ogni sviluppo, ricevere aggiornamenti ed eventualmente adottare ogni provvedimento a tutela dei consumatori. Benché, allo stato attuale, le autorità francesi non abbiano indicato nelle note Rasff l’Italia tra i Paesi destinatari dei lotti contaminati, né risultino casi di infezione da salmonella correlati a tali prodotti, si comunicano di seguito, per eventuali verifiche da parte delle autorità territoriali e per una completa informazione dei consumatori – i lotti del prodotto Milumel Bio oggetto di allerta latte: 17C0012686 con termine massimo di conservazione (TMC) 27/04/2018, 17C0012844 con TMC 24/05/2018, 17C0012965 con TMC 12/09/2018, 17C0013595 con TMC 06/01/2019, 17C0013733 con TMC 03/02/2019.