Roma, 10 ostaggi in una rapina in una farmacia del centro. Poi la fuga

Atmosfera da Roma violenta ieri pomeriggio in pieno centro. Siamo in via Venti Settembre, nel cuore della capitale: due banditi armati di pistola e di coltello col volto coperto da un casco integrale e dal marcato accento romanesco fanno irruzione nella grande farmacia del civico 94. È una rapina: tra i numerosi avventori lo stupore iniziale si trasforma subito in paura e sgomento. Che diventa addirittura terrore quando i malviventi prendono in ostaggio una decina di persone, minacciandole di morte.

La rapina in via XX Settembre

Momenti interminabili di grande concitazione, terminati solo quando riescono a far aprire e a ripulire quel poco che trovano nella cassaforte. Quindi la fuga in scooter per evitare di restare intrappolati nel muro delle volanti della polizia che venivano convogliate verso il luogo della rapina. I due, infatti, riuscivano a far perderete propri tracce nel traffico di Roma.

La polizia teme che possano tentare un nuovo colpo

Ai poliziotti non è restato altro che annotare i dettagli della scena del crimine: le persone presenti della farmacia, soprattutto gli ostaggi, hanno descritto l’arma da fuoco come una pistola automatica. Importante, ai fini delle indagini, è stato anche cercare indizi sul comportamento tenuto dai due banditi durante la rapina. Il quadro che esce dalle testimonianze non è confortante: i due rapinatori hanno dimostrato sangue freddo e determinazione, il che lascerebbe pensare ad una coppia di professionisti del crimine. In più, lo scarso bottino che hanno trafugato potrebbe indurli a ripetere il colpo altrove.