Rom minaccia col cacciavite due 11enni e le costringe a consegnare i cellulari

Due fratelli rom, di 16 e 25 anni, domiciliati al campo nomadi di via Salviati a Roma, sono stati arrestati nel giro di poche ore. Il più giovane dei due, sabato pomeriggio è stato identificato e rintracciato dai carabinieri della Stazione Roma Tor Sapienza poco distante da via Luigi Appiani, quartiere Tor Sapienza, dove aveva poco prima rapinato due 11enni. Le bambine, che tornavano a casa da scuola, sono state avvicinate e, sotto minaccia di un grosso cacciavite, costrette a consegnare gli smartphone custoditi negli zaini. Subito dopo il rapinatore si è dato alla fuga ma è stato bloccato dai militari, che lo hanno denunciato per rapina aggravata. La refurtiva è stata rinvenuta addosso al 16enne e riconsegnata alle giovanissime vittime.

Rom, arrestato anche il fratello

Poche ore prima, sempre nel quartiere di Tor Sapienza, in via Guglielmo Sansoni, i carabinieri hanno arrestato il fratello 25enne, noto per i suoi numerosi precedenti, che è stato riconosciuto mentre passeggiava in strada nonostante fosse sottoposto agli arresti domiciliari. Dopo l’arresto è stato portato in caserma e dovrà rispondere del reato di evasione.