Offese alla Petacci, la farsa continua in Rai. Vauro a Gnocchi: «Non devi scusarti» (video)

A Tv Talk, sabato pomeriggio, come sempre si analizzavano con competenza e garbo i fatti televisivi della settimana, dai quali, ovviamente, non mancare la gravissima gaffe di Gene Gnocchi a “Di Martedì”, sulla Sette, con la battuta (so fa per dire), su Claretta Petacci “maiala” nell’ambito di una dissertazione pesudoumoristica su Giorgia Meloni. Satira? Per Gene Gnocchi, intervenuto telefonicamente e intervistato dal conduttore Massimo Bernardini, era quella l’intenzione, fare satira, anche offendendo la memoria di una giovane donna martoriata dai partigiani per il semplice fatto di essere con Benito Mussolini.

A far da sponda a Gnocchi, il vignettista “compagno” Vauro, come al solito urticante nei commenti. “Gene, non hai nulla di cui scusarti, la tua è satira, non dobbiamo dare conto ai politici, e poi, sulla Petacci, è come se a me avessero detto che ho chiamato il mio cane Stalin…”. Sorrisini, in studio, ironie, tutto come in una gag comica, esattamente come a “Di Martedì”, con Vauro, guardare per credere, a pontificare sulla Petacci. Servizio pubblico, eh.

video