Nel 2017 meno incidenti stradali ma più vittime. 44mila patenti ritirate

Nel 2017 meno incidenti stradali ma più vittime. È quanto sottolinea la Polizia stradale nel bilancio della propria attività nel corso dell’anno che ha visto 474.450 pattuglie di vigilanza stradale impegnate a contrastare i comportamenti illeciti alla guida dei mezzi su strade e autostrade. Le infrazioni al codice della strada accertate -si legge in una nota- sono state 1.999.469 che hanno portato al ritiro di 44.305 patenti di guida e 45.875 carte di circolazione con 2.946.906 punti complessivamente decurtati. L’andamento del fenomeno infortunistico, rilevato da Polizia di Stato ed Arma dei Carabinieri (al 20 dicembre 2017), se da un lato ha fatto registrare una lieve diminuzione nel numero complessivo degli incidenti (72.015, il 2,5% in meno rispetto al 2016) e in quello delle persone ferite (39.178, -0,6%), dall’altro ha espresso un lieve aumento relativamente all’incidentalità con conseguenze mortali, con un incremento dei sinistri (1.519) + 0,8% (12 in più) e delle vittime – (1.656 ) + 2,2% (36 deceduti in più), tendenza purtroppo confermata da Istat. La sicurezza della mobilità rappresenta una priorità per la Polizia di Stato che, con la specialità Polizia stradale, è da sempre alla ricerca di soluzioni avanzate in termini di tecnologia, procedure e modelli operativi, per garantire servizi più efficaci di prevenzione e di controllo. I conducenti controllati sono stati 36.861, il 5,7% dei quali (pari a 2.104) è risultato positivo all’alcol con un tasso alcolemico superiore a 0,5 g/l, mentre l’1,5% (pari a 567 conducenti) è risultato positivo ad una o più sostanze stupefacenti nel corso dei test su strada. Per tali soggetti (oltre al ritiro cautelativo della patente, come previsto dal C.d.S.) si è pertanto proceduto al prelievo su strada di campioni salivari, inviati a Roma presso il Centro di Tossicologia Forense della Polizia di Stato per le analisi di laboratorio. Queste ultime hanno confermato la positività ad almeno una sostanza psicoattiva di 456 conducenti, pari al 80,4% di quelli (567) risultati positivi al test di screening su strada, ed al 1,2% dei conducenti complessivamente controllati. La Polizia Stradale è costantemente impegnata per le esigenze relative all’assistenza sanitaria: nel solo anno 2017 sono state 185 le richieste di assistenza pervenute su tutto il territorio nazionale, che hanno comportato l’impiego complessivo di 441 pattuglie. L’assistenza fornita ha riguardato in 102 casi persone affette da particolari patologie , in 33 casi organi , in 17 plasma /sangue, in 11 sieri/vaccini , in 4 casi medicinali e altre esigenze varie (18). Inoltre, attraverso la collaborazione avviata con il Centro nazionale Trapianti, in 3 occasioni sono stati effettuati trasporti ”cross-over” di organi, catene di espianti e seguenti trapianti possibili grazie a donatori samaritani che hanno ”innescato” un effetto domino.