Napoli, rapinatori armati entrano in un ristorante e terrorizzano i clienti

Napoli senza tregua, insicurezza, violenza. Stavolta momenti paura in un ristorante dei Quartieri Spagnoli, che è stato saccheggiato da rapinatori armati. Come riporta il Mattino, due uomini vestiti di scuro hanno fatto irruzione in un locale su vico Sergente Maggiore. Armati di pistole, hanno minacciato il personale e tutti i clienti che in quel momento erano al ristorante.«Dateci i soldi».

I rapinatori armati hanno agito
in una manciata di secondi

Immediatamente hanno derubato l’incasso della serata e portato via i portafogli dei clienti. Nessuno è rimasto ferito, anche perché tutti sono rimasti impietriti. Il raid si è consumato in una manciata di secondi e ha seminato il terrore tra i presenti che affollavano il ristorante con tutti i tavoli occupati. Dopo aver racimolato il bottino, i malviventi sono fuggiti a bordo di uno scooter. La polizia ha subito avviato le ricerche per stanare i rapinatori armati, cominciando col setacciare i quartieri a ridosso di via Toledo.

 E altri rapinatori a novembre
seminarono terrore in un centro scommesse

Nello scorso novembre un episodio analogo, che però era finito con i malviventi in manette. Avevano fatto irruzione nel centro scommesse, in due, con il volto coperto. Poi avevano costretto i dipendenti a farsi dare la chiave e tra botte e minacce, si erano fatti consegnare l’incasso di 5mila euro. Il colpo era avvenuto a Chiaiano, quartiere nord di Napoli ed era stato interamente ripreso dalla telecamere di videosorveglianza. Ma l’errore fatto da uno dei due malviventi durante la fuga gli è costato, alcuni mesi dopo, l’arresto. Scappando, infatti, si era tolto il passamontagna e l’aveva gettato in strada. Sull’indumento i militari erano riusciti a repertare saliva e capelli.