Minacce a Pirozzi (“Farai la fine di Amatrice”). Solidarietà del centrodestra

«Purtroppo la rete sta diventando anche ricettacolo di rabbia, violenza, volgarità e, come dimostra il dark net, perfino di reclutamento terroristico. L’amico Sergio Pirozzi non si farà intimidire per frasi minatorie rivolte contro di lui da rifiuti umani che si permettono perfino di aggredire Amatrice e farsi beffa di una tragedia che ha commosso il mondo intero». È quanto ha dichiarato il capogruppo di fratelli d’Italia alla Camera dei deputati Fabio Rampelli, parlando anche a nome della componente al Senato della Repubblica. «Si tratta solo di gentaglia. Un caro abbraccio a Sergio al quale rivolgo la solidarietà mia e di Fdi», ha concluso.

Rampelli, Meloni e Pirozzi

Rampelli, Meloni e Pirozzi

Pirozzi ha denunciato su Fb di essere stato minacciato

«Ti facciamo fare la fine della tua Amatrice, ma dove c…. credi di andare? Non vai da nessuna parte….Da solo non ce la farai, ti distruggeremo….Montato del c….». «Mi è arrivato questo messaggio, ha denunciato Pirozzi su Fb. «Ma perché c’è bisogno di questo? – commenta il sindaco – Lo dico a tutte le forze politiche, a tutti gli elettori ma soprattutto a tutti i cittadini: perché questo rancore, a cosa serve? La vita ha già abbastanza difficoltà e sofferenze. Dico una cosa a tutti quelli cui piace questo tipo di linguaggio, non voglio i vostri voti. Noi siamo diversi. L’odio chiama odio. Il nostro futuro ha bisogno di amore. Buon sabato a tutti!».

Il testo postato da Pirozzi su Fb

La minaccia su Fb

Saltamartini: “Pirozzi non si farà intimidire”

Solidarietà a Pirozzi sta arrivando in queste ore da diversi esponenti del mondo politico. «La mia totale solidarietà a Sergio Pirozzi – si legge nella nota della deputata leghista, Barbara Saltamartini – di fronte all’infame minaccia subita che colpisce la sua persona e le tante vittime della tragedia di Amatrice. Di fronte a questi esseri ignobili tutta la politica deve reagire compatta per estirpare il germe dell’odio. Sono certa che Pirozzi non si farà intimidire e proseguirà con ancora più forza e determinazione l’impegno per il suo territorio».