Migranti, il partito della Merkel sceglie la linea dura: «Rimpatriare i rifugiati»

venerdì 5 gennaio 16:23 - DI Tito Flavi

Sono davvero lontani i tempi in cui la Merkel aprì le porte della Germania ai migranti in arrivo dal Medio Oriente. La batosta elettorale del settembre scorso e l’affermazione di AfD hanno convinto il partito della cancelliera a più miti consigli. E così, dalle porte aperte, siamo arrivati alla stretta. La Csu, ramo bavarese della Cdu di Angela Merkel, chiede infatti il rimpatrio di un maggior numero di rifugiati verso i loro Paesi di provenienza, a partire dall’Iraq, dove la situazione sembra essersi stabilizzata dopo la sconfitta dell’Isis. Riunita a congresso nell’abbazia di Seeon, a due giorni dall’avvio formale dei negoziati per una Grande coalizione con la Cdu e la Spd, con la gestione della migrazione tra i punti chiave, il ministro dello Sviluppo tedesco Gerd Mueller, esponente di spicco della Csu, ha detto alla Dpa: «Il ricongiungimento degli sfollati interni con le loro famiglie in Iraq, per esempio a Mosul e Tikrit, sta già avvenendo su larga scala, anche con il nostro significativo sostegno». «Oltre 200mila sfollati sono già tornati – ha sottolineato Mueller – Per questa ragione, sarebbe anche possibile rimpatriare le famiglie irachene dalla Germania verso la loro madrepatria. L’Iraq è ampiamente libero dallo Stato islamico. In molti posti è di nuovo possibile riunire le famiglie». La solidarietà è bella, ma, quando poi arriva il conto da pagare, diventa assai meno bella.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • aprilia48@yahoo.it 6 gennaio 2018

    Meglio tardi che mai, chissa’ se I nostril buon….isti politici sono d’accordo.