Meloni: «Il centrodestra arriverà al 41% e Fratelli d’Italia all’8%»

mercoledì 10 gennaio 18:58 - DI Redazione

Giorgia Meloni prevede una notevole affermazione per la coalizione di centrodestra e per FdI in particolare. «Un pronostico per le elezioni? Il centrodestra arriva al 41%. Noi prendiamo l’8%, Forza Italia prende il 17%, 14% la Lega, 2% alla ‘quarta gamba.  la leader di Fratelli d’Italia, che oggi è stata ospite di Un Giorno da Pecora, su Rai Radio1. Per le percentuali dei miei sogni invece dico: «17% Fratelli d’Italia, 14% Forza Italia, 8% Lega e 2% la Quarta Gamba…».

«Il Jobs Act è un flop, ma no al ritorno dell’articolo 18»

Giorgia Meloni interviene anche sulle politiche per il lavoro. «Le parole di Berlusconi sul Jobs Act? Il Jobs Act è un sacco di cose, gli incentivi non sono serviti a niente, hanno drogato il mercato del lavoro. Io però, non sarei per la reintroduzione dell’articolo 18, quindi di che stiamo parlando? Quando qualcuno me lo dice gli rispondo…».

«Il sostegno alla famiglia al primo posto»

«Quanto all’eliminazione dell’obbligo dei vaccini -dice sempre Meloni – , capisco la perplessità degli alleati su come il governo abbia fatto il decreto, però non facciamo confusione: i vaccini sono stati la più importante scoperta medica degli ultimi secoli, senza sarebbero morti milioni di bambini. Questo va detto. Poi si può discutere su come si fa in modo che la gente sia portata a vaccinare, su questo sono d’accordo». «Il tema comunque -conclude su questo punto – non è tanto l’abolizione di ciò che è stato fatto dagli altri ma quello che faremo noi. Io al primo posto nel programma di centrodestra ho chiesto che ci fosse il tema del sostegno alla famiglia, dell’incentivo alla natalità per far si che la gente abbia libertà di fare figli».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • salvatore_torre@alice.it 12 gennaio 2018

    Devo dire che la tua è la posizione più realistica e manifesta l’encomiabile sforzo di mediazione che stai compiendo. A proposito, non lasciate per strada Stefano Parisi non sottovalutando il suo contributo: potrebbe essere quella goccia necessaria per spostare l’ago della bilancia.

  • andreamuccioli@polopermisano.it 12 gennaio 2018

    Cara Giorgia, io e la mia famiglia voteremo chi abolirà l’assurdo obbligo sui vaccini, che non esiste in nessun Paese evoluto, civile, libero e democratico. Il sostegno alla famiglia è un punto fondamentale, ma le due cose vanno di pari passo: non si può costringere nessuna mamma a somministrare una bomba biologica, come sono i vaccini, che può essere altamente dannosa! Questo è un dato scientifico inequivocabile che viene tenuto nascosto, ma è scritto nella legge 210/92 e nei foglietti illustrativi (che non vengono anch’essi mai consegnati). Cara Giorgia pensaci bene!

  • a.casal@alice.it 11 gennaio 2018

    Non dimenticate la sicurezza della gente; il diritto a difendersi in casa; porre fine alla tratta degli schiavi; i trattamenti pensionistici da vergogna per moltissimi e da ultra sogno per i “noti fortunati” sono disparità talmente evidenti che non si possono più sopportare; rivedere i molteplici privilegi “delle caste” (sono molte e non solo politiche!!!); licenziamento in tronco di dipendenti pubblici corrotti o fannulloni o assenteisti; moralizzazione nei trattamenti di invalidità in ordine ai quali viene il dubbio che siano di più i fruitori sani rispetto a quelli bisognosi. Come si può ancora permettere che furbastri senza scrupoli rubino a chi ha davvero bisogno? E i falsificatori delle condizioni di salute? Radiazione immediata dagli albi professionali e licenziamento in tronco. Ce la facciamo a fare queste cose? Lo scrivete nero su bianco? Se volete che il popolo abbia ancora un po’ di speranza nessuna delle cose sopra elencate può essere lasciata indietro. Buon lavoro.

  • cardi.f@web.de 11 gennaio 2018

    45% per il fantomatico centrodestra? Vabbè, mettiamoci pure un 4% per Casa Pound e si può andare a governare con la maggioranza assoluta, no?

  • paolograffigna@alice.it 11 gennaio 2018

    AL PRIMO POSTO DOVREBBE ESSERCI LA QUESTIONE MIGRANTI COL BLOCCO NAVALE MILITARE SOTTO LA SICILIA!!!

  • quirino.valentini@libero.it 11 gennaio 2018

    Ha detto bene ….nei miei sogni ! Infatti l’8% se lo può solo sognare !!!-illusione dolce chimera sei tu ….

  • max.bialystock@libero.it 11 gennaio 2018

    mmm…mmm…mmm sono perplessa, un cdx quasi indistinguibile, nei grandi temi, dal csx …ci vuola maggiore coraggi della destra per i temi sociali e solo così si governerà (diverso dal solo sedersi sulle poltrone) per almeno 20 anni con grande consenso popolare.
    Da quel che sento da più parti ogni giorno noi di destra abbiamo un rigore a porta vuota, vediamo di non tirarlo con la gambetta molle o troppo “educata” (politicamente corretta/cerchiottittista/sponsorizzata) rischiando addirittura di sbagliarlo.
    I temi sociali visti da destra con coraggio e… il 17% sarà la realtà, il popolo è pronto.
    Coraggio Onorevole ascolti il popolo e non … altri
    Laura

  • alberto.caioli@email.it 11 gennaio 2018

    Cara Georgia se tu fossi meno “romanesca dormiente” come i tuoi concittadini, ti voterei! Peccato mortale che tutti i politici corrotti abbiano ridotto, da 50 anni a questa parte, questo magnifico Paese ( vedasi trasmissioni di Alberto Angela ) nella c***a in cui siamo! Non saprei, ma Casapaund mi piace molto!

  • Lorenzo@studiobonfante.it 11 gennaio 2018

    In un incontro di lavoro si spera che il 4 marzo sia il giorno della liberazione ai questa sinistra che tutto è, ma sarebbe giusto che levassero il nome democratici, perché tutto sono tranne democratici

  • Monaldo.morelli@gmail.com 10 gennaio 2018
  • edgardo.fratti@alice.it 10 gennaio 2018

    Giorgia sono con te. Sono favorevole che al primo posto ci sia il sostegno alla famiglia naturale e l’incentivo alla natalità.