Lombardia, Liberi e Uguali dice no a Giorgio Gori e sceglie Onorio Rosati

Liberi e Uguali chiude le porte al Pd. In Lombardia non appoggerà la corsa di Giorgio Gori per la presidenza della Regione. La decisione è stata presa durante l’assemblea regionale a Cinisello Balsamo. Il nome proposto per la sfida contro Gori è quello di Onorio Rosati, consigliere uscente. A lanciare la candidatura durante l’assemblea è stato Francesco Laforgia, capogruppo alla Camera: “Siamo dalla parte giusta quando fuori da qui diremo che Liberi uguali presenta la sua proposta per le politiche e per le regionali”, ha sostenuto Laforgia, rivolto all’affollata assemblea. “Non diremo che andremo da soli e non ci faremo dire che usciamo dal centrosinistra perchè il centrosinistra non esiste se non esiste la sinistra”, ha detto. “La squadra ha bisogno di un volto”, ha affermato. “Penso che per il suo impegno nella politica e nel sindacato e anche perchè è una brava persona questa rappresentanza possa essere tranquillamente fatta da Onorio Rosati”. Subito dopo l’intervento di Laforgia è scattato una standing ovation. Di fatto dunque si rompe già il progettoi di un’alleanza nel centrosinistra in vista delle regionali.