Laura Boldrini: «Salvini disgustoso, il suo eroe è Putin… figuriamoci»

Riecco Laura Boldrini. Che per attaccare il nemico, finisce per fargli un favore. «Salvini ammira molto Putin, è il suo eroe, un personaggio notoriamente incline alla repressione delle libertà. Se questo è il suo modello…», dice a Rtl 102.5. Non considera, la presidenta, che il presidente russo è considerato tra i leader più credibili che ci sono al mondo, se non addirittura il più credibile in senso assoluto. E che è un personaggio molto amato soprattutto dal popolo del web, ossia in quel mondo virtuale che inciderà parecchio sul voto. Un autogol, quello della Boldrini. L’ennesimo di una lunga serie.

Boldrini contro Salvini e Di Maio

Ma lei non si accontenta: «È disgustoso aizzare i suoi contro l’avversario che diventa nemico: Salvini è andato sul palco con un bambola gonfiabile dicendo che ero io e da lì è nata una ondata di odio terribile per me e per la mia famiglia – spiega l’esponente di Leu – I suoi sindaci hanno detto che gli stupratori dovrebbero venire a casa mia così mi tornerà il sorriso, una dimensione culturale disgustosa». Un attacco anche ai Cinquestelle: «Di Maio ha svolto attività di presidenza, ma per il resto non ha brillato per compiti istituzionali e io trovavo abbastanza strano che si potesse presiedere l’aula e poi uscire per aizzare i militanti a circondare il palazzo».