La vita in carcere di Igor il Russo: legge la Bibbia e non parla con nessuno

«Non parla con nessuno e si è mostrato imprevedibile». È la descrizione di Igor il Russo, al secolo Norbert Feher, resa da fonti del carcere di Zuera a Saragozza, in Spagna, dove è detenuto dal 20 dicembre, dopo essere stato qualche giorno nel penitenziario di Teruel. Igor è stato arrestato il 15 dicembre, al termine di un conflitto a fuoco con la Guardia Civil.

Igor il Russo sceglie l’isolamento

Catturato dopo aver ucciso un agricoltore e due agenti in una fattoria proprio nella zona di Teruel, il criminale serbo, noto in Italia anche come il killer di Budrio, trascorre le sue giornate chiuso nel silenzio, in una cella di massima sicurezza, saltando l’ora d’aria e leggendo la Bibbia.

Secondo le fonti penitenziarie, citate dal quotidiano spagnolo Heraldo de Aragon, Igor il Russo…

Per continuare a leggere l'articolo Abbonati o Accedi