La sinistra offende ancora la memoria di Sergio Ramelli: accade a Legnano

domenica 14 gennaio 19:19 - di Ezio Miles

Ennesimo  oltraggio degli estremisti  di sinistra a Sergio Ramelli, il ragazzo del FdG morto a Milano il 29 aprile del 1975 dopo  50 giorni di agonia e a seguito della criminale aggressione subita dagli attivisti di Avanguardia Operaia.

Accade che a Legnano la solita rete antifascista  si metta a protestare per la presentazione  un fumetto dedicato alla tragedia del giovane militante di destra dal titolo Sergio Ramelli – Quando uccidere un fascista non era reato. I solerti antifascisti hanno organizzato il solito lugubre “presidio”, iniziativa a cui hanno aderito altre formazioni di sinistra come Rifondazione comunista,  Sinistra italiana, Possibile, Potere al popolo, Liberi e uguali, Sinistra per la Lombardia, e Art.1 Mdp. Tutti uniti in nome dell’intolleranza più becera.

Ipocrita e sostanzialmente complice con gli intolleranti antifascisti il comportamento del Pd “A Legnano – dice il segretario del Pd di Legnano BussolatiFratelli d’Italia organizza la presentazione di un graphic novel su Sergio Ramelli; alla commemorazione istituzionale partecipo ogni anno col Sindaco e i rappresentanti delle istituzioni. Fratelli d’Italia, partito della coalizione del centrodestra che si candida a guidare il Paese e la Lombardia – organizza invece l’evento con Lealtà e Azione. Quelli che il 25 aprile omaggiano col braccio teso i repubblichini, le SS, i gerarchi e i torturatori sepolti al Campo X del Cimitero Maggiore. Dar loro agibilità, legittimarli, è un atto gravissimo e intollerabile. Resta legittimo il ricordo di Ramelli, ma chi sta con Lealtà e Azione fa una scelta chiara e netta, che non può essere accettata né condivisa da chi crede nella democrazia.

Alle dichiarazioni di Bussolati ha replicato  l’assessore alla Sicurezza Maira Cacucci: “Sinceramente non avrei mai pensato nel 2018 di leggere tali affermazioni: ‘una scelta gravissima e intollerabile quella di FdI’. Quale scelta? FdI Legnano ha scelto di avere il coraggio di ricordare un giovane, Sergio Ramelli militante del Fronte della Gioventù, morto a soli 18 anni a Milano, a causa di una aggressione con chiavi inglesi ad opera di un gruppo appartenente ad Avanguardia Operaia. Una morte priva di commemorazioni per anni. Io ritengo e sostengo a gran voce che non esistono e non devono esistere morti di Serie A e morti di serie B”. E poi :”Lodevole l’iniziativa dei ragazzi di Lealtà Azione che vuole ricordare Sergio attraverso uno strumento di facile diffusione, soprattutto tra i giovani: il fumetto. Penso che molti siano d’accordo con me, quindi, invito tutta la cittadinanza, tutti gli appartenenti ad altri partiti o movimenti politici a partecipare alla serata di presentazione di mercoledì 17 gennaio a Leone da Perego, al fine di dimostrare, tutti insieme, che oggi è da condannare l’odio che animava l’ideologia in quell’epoca e non chi ha il coraggio di ricordare una morte ingiusta per mano di una ideologia”.

Per la sinistra più intollerante gli anni Settanta non sono mai passati.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • ENRICO 15 gennaio 2018

    Infami,ipocriti e assassini:Ramelli è stato trucidato da vivo e continua a essere vilipeso da morto!