La mamma anti-bulli: le ho detto non bestemmiare e quella è diventata una furia

La notizia non ha fatto poi tanto scalpore abituati come siamo al linguaggio scurrile, a scuola come in tv e alle imprese di ragazzini violenti che restano impuniti. Si tratta della notizia della mamma anti-bulli aggredita a Grugliasco da una baby gang per avere chiesto loro di non bestemmiare. La bestemmia, del resto, neanch’essa fa più rumore né deve infastidire più di tanto visto che anche calciatori superpagati come Nainggolan se ne fanno vanto nei loro video di Capodanno.

A voler scavare nell’evento, in questo caso, colpisce il fatto che l’aggressione sia avvenuta da parte di un branco (circa quindici ragazzini) di cui facevano parte ragazzine giovanissime, individuate e denunciate per lesioni aggravate. C’erano anche loro, nel gruppo, e hanno partecipato attivamente all’assalto di Gabriella Pellegrini, 50 anni, che col figlio di 17 anni e il compagno tornava a riprendersi l’auto al parcheggio di un centro commerciale, Le Gru.

La donna, intervistata da Repubblica, non sa spiegarsi il motivo dell’aggressione: “Erano un gruppo, e ostruivano la passerella che porta al parcheggio. Cercavano lo scontro, hanno cominciato a insultarci, in particolare una ragazza: ‘Riccastri di merda‘, ripetevano. Ileano è tornato indietro con mio figlio per chiedere spiegazioni e uno di loro gli ha tirato una sigaretta accesa”. A quel punto anche Gabriella torna indietro e apostrofa una ragazza. Le dice: “Ma ti sembra questo il modo di parlare?”. Quella per tutta risposta le dà uno schiaffo in faccia con tanta cattiveria da spaccarle gli occhiali. Poi le strappa la catenina dal collo e la prende a calci e pugni. Poi si avventano in cinque sul ragazzo, il figlio di Gabriella, che sviene. I carabinieri di Rivoli hanno alla fine denunciato in tutto nove ragazzi, tre responsabili dell’aggressione alla donna. Quattro di loro sono quattordicenni.