“La Civiltà Cattolica” riscopre Bloy, lo scrittore che malediceva la modernità

Un secolo fa moriva Léon Bloy : scrittore francese di raro talento, “ma collerico e  scandaloso”. Era un giornalista che odiava i giornalisti, un profeta  che imprecava contro la modernità, un teologo che detestava i preti;  era anche un uomo spirituale, infuocato dal desiderio di Dio, che  scandalizzava i cattolici ferventi. Così lo descrive la rivista “La  Civiltà Cattolica” in un articolo del padre gesuita Giancarlo Pani dal titolo “Léon Bloy: profeta scomodo dell’assoluto”.

Bloy non era proprio un santo, osserva il periodico della Compagnia di Gesù,…

Per continuare a leggere l'articolo Abbonati o Accedi