La Brigata Sassari adotta orfanotrofio ad Herat: giocattoli, pannolini, latte

giovedì 4 gennaio 10:35 - DI

Il contingente italiano del Train Advise Assist Command West (Taac W) ha effettuato una donazione a favore dell’orfanotrofio ”Khaja Abdullah Ansari”, nell’ambito dei progetti di cooperazione civile e militare coordinati con il Dipartimento per le Politiche Sociali del governatorato di Herat. I beni, richiesti dalla direzione dell’orfanotrofio e consegnati dai militari della Brigata Sassari, consistono in materiale per l’infanzia quali pannolini, bavaglini, biberon, set di sterilizzazione per biberon, kit per la pappa, abiti per bambini di varie età e, vista la coincidenza con le festività natalizie, giocattoli vari che giungono grazie alla generosa donazione della Protezione Civile di Ittiri e dalla Scuola media statale n.3 di Sassari.

Brigata Sassari, la donazione all’orfanotrofio

Il progetto per l’orfanotrofio è partito nel 2008, quando la Cooperazione Civile e Militare Italiana avviò le donazioni di beni di prima necessità ai bambini e i lavori di messa in sicurezza dell’infrastruttura. Negli anni successivi, sono stati effettuati lavori volti al miglioramento delle condizioni igienico sanitarie, alla riqualificazione delle aree giochi e c’è stato costante interesse per il potenziamento degli aspetti didattici dell’istituto. La donazione si è svolta alla presenza del Comandante del Taac-W, generale Gianluca Carai, della direttrice dell’orfanotrofio maschile e femminile nonché di una rappresentanza dei bambini ospiti della struttura. Nell’occasione la dirigente ha ringraziato il contingente italiano da sempre vicino alle esigenze della popolazione afghana più sfortunata e, nel ricordare i numerosi progetti realizzati nella struttura, ha raccontato che i primi bambini aiutati dal contingente italiano nel 2008 ora sono adulti inseriti nel mondo del lavoro o studenti al pari di altri più fortunati. L’orfanotrofio, che attualmente ospita oltre 250 tra bambini e bambine provenienti da tutta la regione ovest, è intitolato alla importante figura di Khwaja Abd Allah Ansari, prolifico autore di opere poetiche, il cui mausoleo è tuttora meta di un incessante pellegrinaggio culturale.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • luciferoverde@gmail.com 5 gennaio 2018

    Fate Bella figura solo con gli Stranieri. …..ma gli Italiani chi li Aiuta????? Far solamente PENA