Il Papa: «Temo una guerra nucleare». E mostra un’immagine di Nagasaki

lunedì 15 gennaio 14:43 - di Alessandra Danieli

«Sì, ho davvero paura. Siamo al limite. Basta un incidente per innescare la guerra. Di questo passo la situazione rischia di precipitare. Quindi bisogna distruggere le armi, adoperarci per il disarmo nucleare». Sono le parole pronunciate da Papa Francesco, sul volo da Roma verso Santiago del Cile dove atterrerà a mezzanotte. Riflettendo con i giornalisti sui rischi di una guerra atomica, il Pontefice si è detto molto preoccupato e ha voluto distribuire ai 70 cronisti al seguito una foto scattata a Nagasaki dopo l’esplosione atomica del ’45. Un’immagine molto toccante riprodotta a mo’ di cartolina con sul retro la sua scritta “Frutto della guerra”.

Il Papa: ho paura di una guerra nucleare

«Greg Burke (portavoce vaticano, ndr) parlava di questa immaginetta che vi ho dato. L’ho trovata per caso, è stata scattata nel ’45», ha poi spiegato il papa salutando i cronisti. «È un bambino con il suo fratellino morto sulle spalle che aspetta il suo turno davanti al forno crematorio a Nagasaki dopo la bomba. Mi ha commosso quando l’ho vista e ho osato scrivere solo “Il frutto della guerra”. E ho pensato di farla stampare e darvela perché un’immagine del genere commuove più di mille parole. E l’ho voluta condividere con voi». Un’inziativa dal forte impatto simbolico. L’immagine ritrae una foto scatta a Nagasaki nel 1945 dal fotografo americano Joseph Roger O’Donnell che ritrae appunto un bambino che aspetta di far cremare il fratellino minore deceduto in seguito ai bombardamenti atomici di Hiroshima e Nagasaki in Giappone.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • ewiak.r@gazeta.pl 15 gennaio 2018

    Papa Francesco ha ragione. Il libro dell’Apocalisse avverte: “E uscì un altro cavallo, color fuoco; e a colui che vi sedeva sopra fu concesso di togliere la pace dalla terra affinché si scannassero gli uni gli altri; e gli fu data una grande spada.” (6:4-6)

    Gesù avverte anche: “E ci saranno cose terrificanti e potenti fenomeni insoliti dal cielo.” (Luca 21:11) Alcuni antichi manoscritti aggiungono: “e gelate [και χειμωνες].”

    “Una grande spada”, “terrificanti e potenti fenomeni insoliti dal cielo”. Ciò causerà il cambiamento climatico e la carestia. (cfr. Rivelazione 6:5, 6) Cosa significa tutto questo?

    Guerra nucleare globale è inevitabile. Quando accadrà questo? La Bibbia dice: “[il re del nord = Russia a partire dalla seconda metà del XIX secolo. Daniele 11:27)] ritornerà nel suo paese con grandi ricchezze [1945], e il suo cuore sarà contro il patto santo [l’ostilità nei confronti dei cristiani], e agirà [attività in ambito internazionale], e tornerà al suo paese [1991-1993. La disintegrazione dell’Unione Sovietica e del Patto di Varsavia. Le truppe russe restituito alla paese]. Al tempo fissato tornerà [questo significa anche il disgregazione dell’Unione europea e della NATO. Molti paesi dell’ex blocco orientale tornerà nella sfera d’influenza della Russia]. Ed entrerà a sud [questo potuto essere Georgia], ma non sarà come la prima volta [2008 – Georgia] e come l’ultima volta [Ucraina].” (Daniele 11:28, 29) Ma la terza volta sarà l’intervento degli Stati Uniti. (Daniele 11:30a)