I “traditori” del centrodestra che vogliono tornare: spunta la Carlucci

A volte tornano. Gabriella Carlucci ha tutte le intenzioni di tornare in Parlamento e per farlo è disposta anche a cercare un seggio fuori dai confini italiani. L’ex giornalista e conduttrice, come riporta Libero, ha deciso di candidarsi con l’Udc di Pierferdinando Casini nel collegio Europa, a caccia quindi dei voti degli italiani all’estero. Per lei è un ritorno sotto le insegne casiniane, dopo il tentativo fallito di candidarsi con la lista Monti alle ultime elezioni politiche.

Gabriella Carlucci e il “tradimento”

Tra i fondatori di Forza Italia nel 1994, la Carlucci era stata eletta in Parlamento nel 2001 con la Casa delle Libertà. Con una scena da avanspettacolo aveva abbandonato il Cavaliere nel 2011 arrivata nel 2011, quando si tuffò tra le braccia dell’Udc, mentre era anche sindaco di Margherita di Savoia, in Puglia. Diventò il simbolo dell’ingratitudine e fu presa di mira dai vignettisti e dai blog, anche perché non seppe spiegare il “travaglio interno” che l’aveva portata a un gesto così eclatante. Nel 2013, dopo dodici anni ininterrotti da deputato, non ha più messo piede a Montecitorio. Ora cerca di ricollocarsi, anche perché un posto in Parlamento riaccende l’appetito.