Grosseto, albanese picchia e stupra l’ex amante italiana che lo aveva lasciato

Violenza sessuale, sequestro di persona, danneggiamento, lesioni personali, atti persecutori e trattamento illecito dei dati: con queste accuse un cittadino albanese, 25 anni, è stato arrestato dai carabinieri di Pitigliano (Grosseto) e dagli agenti della questura di Grosseto in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip del Tribunale del capoluogo maremmano su richiesta della Procura. Le indagini sono iniziate alla fine dello scorso mese di agosto, quando il giovane albanese è stato denunciato da una donna con cui aveva avuto una relazione extraconiugale. Il rapporto venne interrotto dalla donna proprio a causa del comportamento violento dell’uomo. Il 25enne, secondo la denuncia della donna presentata ai carabinieri di Castel del Piano, l’aveva molestata e minacciata, danneggiandole anche la sua autovettura, e pubblicando sui social network foto di lei senza il suo consenso.

Il 25enne albanese è finito nel carcere di Grosseto

Alcuni testimoni, ascoltati durante le indagini, hanno confermato la denuncia della donna: le continue minacce, le molestie telefoniche, l’appostamento presso l’abitazione della vittima, il danneggiamento dell’autovettura e la illecita pubblicazione di fotografie su alcuni social network. L’escalation è terminata il 10 gennaio scorso quando l’uomo, nella propria abitazione, ha picchiato e violentato la donna, che ha riportato anche lesioni ad un braccio, al collo, alla testa e al seno. I medici dell’ospedale hanno confermato la compatibilità delle lesioni con il racconto della vittima. L’uomo è stato arrestato e condotto nel carcere di Grosseto.