Europa vergogna: teme Maometto, ma offende Gesù negli spot

Il nuovo dio d’Europa non è quello rivelato nelle sacre scritture, ma è quello che si manifesta negli utili delle società per azioni. E’ il dio del profitto, celebrato nella nuova iconografia “religiosa”: la cartellonistica e gli spot. Questa è l’amara riflessione suggerita dalla vicenda dei cartelloni pubblicitari con l’immagine blasfema di Gesù e della Madonna tatuati, che sono stati censurati e multati da uno Stato nazionale (la Lituania) ma poi riammessi e sdoganati dalla Corte europea dei diritti umani di Strasburgo. Per la Lituania quei manifesti offendono la morale e il sentimento religioso della gente, per l’Europa rappresentano invece una forma intangibile di “libertà d’espressione”.

Nulla deve quindi turbare la comunicazione commerciale, anche quella più…

Per continuare a leggere l'articolo Abbonati o Accedi