Europa nella bufera: la tempesta provoca otto morti in Germania

La tempesta Friederike ha provocato danni per 500 milioni di euro in Germania, secondo le cifre a cui ha fatto riferimento l’associazione delle compagnie assicurative. Un bilancio pesante, in termini economici, ma non paragonabile a quello che lasciò in eredità l’ondata di maltempo di 11 anni fa: la tempesta Kyrill, infatti, provocò danni per 2 miliardi. Niklas, che spazzò la Germania nel 2015, costò ai tedeschi 590 milioni di euro. La tempesta Friederike ha provocato altri due morti in Germania, portando il bilancio delle vittime del maltempo a otto nel paese. A renderlo noto è stata questa mattina la polizia tedesca, precisando che in nottata due persone in Sassonia-Anhalt sono decedute. Si tratta di un 65enne precipitato da un tetto di otto metri mentre cercava di evitare danni o crolli per il maltempo, mentre un uomo di 34 è stato investito da un albero abbattuto dal vento.

Migliora invece la situazione in Italia: prima dell’arrivo dell’alta pressione delle Azzorre che caratterizzerà il tempo per gran parte della prossima settimana, una veloce perturbazione atlantica raggiungerà il Centro-Sud. Il team del sito www.iLMeteo.it comunica che domani la nuvolosità sarà in aumento dapprima al Centro-Sud, in serata anche al Nord. Al mattino qualche pioggia su Abruzzo, Molise, Puglia, Campania interna e Basilicata; dal pomeriggio/sera piogge sparse sulla Toscana centro-settentrionale, occasionali tra salernitano e cosentino. Neve dai 200 metri sui settori alpini più settentrionali e zone adiacenti. Domenica, al primissimo mattino precipitazioni sparse su Appennini centro-meridionali, Toscana, Lazio, Campania e Calabria, nevose sopra i 1200/1300 metri. Migliora velocemente al Centro, mentre le piogge, localmente moderate saranno più presenti lungo le coste tirreniche di Calabria e Sicilia, più occasionali e deboli sul resto del Sud. Bel tempo al Nord.