Ennesima aggressione a sanitari in un pronto soccorso dell’ospedale

lunedì 15 gennaio 15:31 - di Redazione

Nuova, violenta aggressione contro sanitari. Stavolta presso il pronto soccorso dell’ospedale di Caltanissetta. Un medico e un ausiliario sono stati colpiti a pugni da un paziente, un giovane con precedenti penali. A renderlo noto è Salvatore Ballacchino, segretario territoriale di Caltanissetta di Fsi – Usae, Federazione sindacati autonomi indipendenti, aderente alla Confederazione unione sindacati autonomi europei. “Abbiamo fatto tanto come organizzazione sindacale per sensibilizzare le istituzioni su questa problematica, ma ancora nulla – dice -. C’è anche un disegno di legge, Disposizioni per garantire la sicurezza, l’ordine pubblico e l’incolumità di cittadini ed operatori sanitari presso le strutture ospedaliere e i presidi ambulatoriali di guardia medica, presentato su iniziativa del senatore Antonio Scavone e di altri 16 senatori”. “Abbiamo denunciato più volte a Procure, Questure, Prefetture, assessorato regionale della Salute e a sindaci la mancanza di sicurezza del personale sanitario nelle strutture siciliane – conclude -. Ribadiamo di volere adesso un intervento dell’assessore regionale alla Salute Ruggero Razza”. E proprio oggi si registra un intervento sull’argomento: “In Lombardia, come nel resto del Paese, negli ultimi mesi sono esponenzialmente aumentate le segnalazioni dei nostri iscritti che testimoniano un incremento delle aggressioni, non solo verbali, rivolte dagli utenti a medici di Continuità assistenziale nell’esercizio delle proprie funzioni”. A denunciarlo è la Fimmg (Federazione italiana medici di medicina generale) che, se da un lato ribadisce la richiesta di “iniziative che migliorino la tutela dell’incolumità dei colleghi, attraverso la prevenzione dei fattori scatenanti e delle condizioni di potenziale rischio”, dall’altro lancia un’indagine che parte proprio dalla Lombardia “per avere un quadro completo della sicurezza delle sedi di tutta la regione”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *