E’ già rissa a sinistra, Grasso zittisce la Boldrini: “Non decide lei…”

domenica 14 gennaio 11:09 - di Redazione

Volano subito gli stracci, a sinistra, tra i due leader di Liberi e Uguali, Piero Grasso e Laura Boldrini. La presidente uscente della Camera chiude a qualsiasi alleanza con M5S, il presidente uscente del Senato subito la zittisce: “Comprendo, però poi decide qualcun altro”, puntualizza a “L’intervista” su SkyTg24, aggiungendo “certo” alla domanda di Maria Latella se sarà lui a decidere. Una prima schermaglia, durissima, tra i due leader della piccola sinistra che cerca di sfidare il Pd di Renzi.

L’INCIUCIO COL M5S – A proposito di eventuali accordi con il Movimento il presidente del Senato ha aggiunto: “Dopo il voto valuteremo la situazione: il M5S è però così ondivago che non riusciamo a capire le sue politiche: un giorno è per l’euro, un giorno apre alle alleanze, un giorno è per l’Europa, un giorno no. Quando riuscirà a dare l’esatta valutazione alle sue politiche forse anche noi potremo fare delle valutazioni”.

LOMBARDIA – Odio di Leu verso il Pd? Quella di Gori “è una visione distorta – ha affermato – Non ci sono né rancori né odii. Noi parliamo di politiche di sinistra e dalle sue parti le promesse non sono state mantenute”.

LAZIO – Invece “nel Lazio la situazione, rispetto alla Lombardia, è diversa. Ho convocato anche per il Lazio un’assemblea dei delegati regionali che mi hanno dato un mandato per trattare con il presidente Zingaretti, che ricordo è in carica, per portare avanti politiche di sinistra”. Da Zingaretti, ha aggiunto, possono arrivare “segnali di discontinuità”.

ELEZIONI – “Il voto a Leu è il voto che rappresenta quelli che sono i valori e i principi della sinistra – ha rimarcato il presidente del Senato – I voti li ha levati forse Renzi quando ha cambiato la sua politica spostandola verso destra. Noi cerchiamo di recuperare i voti che ha perso Renzi, che era partito dal 40% e ora è al 20%”. Quanto a un governo con Forza Italia “non è che lo escludo io, ma le loro politiche che non potranno mai essere compatibili con le nostre. Per noi la componente essenziale per ogni alleanza è una svolta a sinistra, giustizia sociale, rivoluzione dell’uguaglianza, il diritto di avere diritti”.

“NON SONO UOMO SOLO AL COMANDO” – “Non sono un uomo solo al comando – ha detto Grasso – non mi sento un ‘leader’, sono convinto che la politica non possa essere fatta così. Io sono a capo di un gruppo dove c’è pluralismo. Ed ho ottimi rapporti con tutti e pure con D’Alema”.

BANCHE – Poi il capitolo banche. “Penso che se fossi presidente del Consiglio starei molto attento alle cose che dico, soprattutto a un finanziere” ha affermato. Alla domanda se lui facesse colazione con i ‘poteri forti’, il presidente del Senato ha replicato: “La mattina faccio colazione con mia moglie”. Quanto alla commissione banche, “se la relazione non ci soddisfa, dovremmo riprenderla nella prossima legislatura”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • carla 15 gennaio 2018

    Non li sopporto e così anche il movimento Liberi e Uguali.

  • rita 15 gennaio 2018

    sono curiosa di vedere il livello di m****** che sarà disposta a raggiungere pur di non sparire dalla politica…..

  • Paolo 15 gennaio 2018

    Belle notizie a parte dei novizi:che vadano vanti così;sarà un vantaggio per coloro che si propongono in modo veramente serio. Per inciso devo dire che Pietro Grasso mi ha profondamente deluso; infatti penso che avrbbe fatto bene a rimanere fuori dalla politica piuttosto che associarsi agli incompetenti che da sei anni hanno finto di governare. Sero che costoro siano mandati a casa; tutti quanti.

  • elonora ferrari 15 gennaio 2018

    ma il dottor grasso non aveva capito chi fosse la boldrini ? ci pensi un attimo perchgè nessuno la sopporta

    • Paolo 15 gennaio 2018

      A EleonoraFerrari-
      Giudizio sintetico, efficacissimo e veloce nei confronti della Boldrini; veloce come una….FERRARI!!!!

  • Francesco Cecchini 15 gennaio 2018

    Liberi, uguali, divisi e incoerenti.

  • MarioD6 15 gennaio 2018

    E’ certamente credibile quando parla delle balle di Renzi, ma anche lui non scherza. Vuole imporre lo Jus Solis a colpi di maggioranza e insabbiare tutta la storia delle banche. E secondo lui questa è la politica di sinistra ??? Il diritto di avere diritti non è di nessuna parte politica, è dei cittadini che lui con le sue azioni ha sempre affossato. Vada a discutere con i capi di stato africani che forse lo capiscono meglio di noi.

  • eddie.adofol 15 gennaio 2018

    fanno schifo tutti e due.