Donzelli: dalle fabbriche di Prato immagini choc, bambini in pericolo

martedì 9 gennaio 17:44 - DI Redazione

“Bambini che giocano fra i macchinari e mangiano accanto agli adulti che lavorano con solventi chimici. Qualcuno gioca per terra nello sporco, addirittura un piccolo fa l’aerosol in mezzo ai lavoratori. Le immagini scioccanti dei capannoni fra Firenze e Prato, mandate in onda ieri sera su Canale 5 nella trasmissione Striscia la Notizia, confermano una volta di più le denunce effettuate con i nostri sopralluoghi sulla grave situazione irrisolta delle aziende cinesi. E sbugiardano il governatore Enrico Rossi: le fabbriche sono tutt’oggi adibite a pericolosi dormitori”. È quanto afferma il capogruppo di Fratelli d’Italia in consiglio regionale della Toscana Giovanni Donzelli. “Il “Progetto lavoro sicuro” della Regione Toscana è un vero fallimento – sottolinea Donzelli – ed è gravissimo che ancora oggi si permetta a delle persone, ad oltre tre anni dal rogo costato la vita a Prato a sette persone, di sottoporsi ad un tale pericolo, oltre che di violare così le regole e fare concorrenza sleale alle imprese italiane. Da anni abbiamo sollevato il problema delle aziende, delle coltivazioni illegali, dei mercati abusivi fra Firenze e Prato: la situazione è sotto gli occhi di tutti e rappresenta la resa delle istituzioni di fronte all’illegalità. Mentre Rossi continua a vantarsi dei risultati raggiunti in Toscana ogni giorno centinaia, forse migliaia di persone, fra cui bambini, rischiano ancora oggi la vita in questo modo”. Donzelli annuncia così un’interrogazione in consiglioregionale: “È evidente che il piano della Regione è da cestinare: occorre chiedere al governo la possibilità di applicare le leggi antimafia, che è l’unico modo per risolvere il problema. Pretendiamo azioni concrete e trasparenza”, conclude.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Fujsun2@gmail.com 7 febbraio 2018

    La precedente giunta, composta da falliti senza mestiere, a Prato, era a guida Forza Italia, con un sindaco bancarottiere e il presidente del consiglio comunale che dovette dimettersi per tangenti vere o presunte, comunque brutti personaggi.
    Hanno governato peggio dei comunisti, il che era impossibile per persone normodotate con valori accettabili.
    Poichè socialisti e comunisti, dopo aver massacrato la città, con tangenti inibenti e scoraggianti, ostruzionismo all’intrapresa locale, l’ hanno svenduta all’immigrazione asiatica.
    Non ce lo scorderemo mai.

  • paolaiesus@tin.it 11 gennaio 2018

    Sono pratese quindi….

  • cl.rossetti@gmail.com 10 gennaio 2018

    veramente tutto questo lo si sa da molto tempo.
    non ci si può svegliare solo sotto elezioni ed il giorno dopo … sotto il tappeto e ci scordiamo.
    dove sono : Finanza, Polizia, NAS etc etc? come si dimostra le regole non sono uguali per tutti e chiunque viene qui in Italia fa quello che gli pare!!!.
    e non ditemi che portano introiti nelle casse dell’INPS perche è una vera presa per…..