Dalla Bongiorno all’economista Bagnai: la squadra schierata da Salvini

Politici di lungo corso, anche il fondatore Umberto Bossi, parlamentari uscenti, un manipolo di fedelissimi lombardi, giovani semisconosciuti e studenti universitari: è molto assortita la lista dei candidati che la Lega schiera alle politiche del 4 marzo. Tra le new entry che hanno fatto più notizia quella di Giulia Bongiorno, nota per aver difeso Andreotti nei processi per mafia e per la campagna contro le molestie con Michelle Hunziker, e l’economista anti-euro Alberto Bagnai. Confermato l’ex governatore Bobo Maroni che correrà come capolista al Senato in Lombardia 2.

Big e fedelissimi in corsa con Salvini

Matteo Salvini correrà per il Senato, col proporzionale, in Calabria 1, Lazio 1 (Roma), Lombardia 4 (Milano), Liguria 1, Sicilia 2 (Catania, Messina, Acireale e Siracusa). Il Senatùr, Umberto Bossi, anche se critico per la svolta “nazionale” impressa da Salvini, è stato candidato come capolista al Senato nella circoscrizione Lombardia 3 (Varese, Como e Lecco). L’avvocato Giulia Bongiorno correrà come capolista al Senato in Lombardia 5 (Cologno, Monza, Sesto), Lazio 2 (Roma Collatino, Viterbo, Guidonia), Piemonte 1 (Torino), Liguria 2 (seconda dopo Salvini) e Sicilia 1 (Palermo). A seguirla, ci saranno Santo D’Alcamo, Patrizia Battello e Gioacchino Picone. In Liguria correranno anche il presidente del consiglio regionale Francesco Bruzzone e l’assessore Edoardo Rixi. C’è poi il segretario del Sap Gianni Tonelli, indicato come capolista in Emilia 3 (Bologna). Sempre in Emilia, per il Senato, La Lega schiera l’ex candidata a sindaco Lucia Borgonzoni e il consigliere economico di Salvini, Armando Siri. In Toscana l’economista Claudio Borghi Aquilini dovrà scontrarsi col ministro dell’economia Pier Carlo Padoan a Siena, dove correrà per l’uninominale, al proporzionale invece è candidato sempre per la Camera im Toscana 2 e 4. Sempre in Toscana correranno i giovanissimi Lorenzo Gasperini (Livorno) ed Edoardo Ziello (Pisa) per l’uninominale, la consigliera regionale Elisa Montemagni e Manfredi Potenti per il proporzionale. Tra i più esperti l’assessore aretino Tiziana Nisini, quello grossetano Mario Lolini e il consigliere regionale Manuel Vescovi. L’economista Alberto Bagnai andrà allo scontro diretto con Matteo Renzi a Firenze 1, per il Senato, ma sarà anche capolista in Abruzzo 1 (Pescara e L’Aquila), Lazio 3 (Frosinone, Velletri e Fiumicino). Massimiliano Fedriga è candidato come capolista in Friuli 1 mentre il collega Gian Marco Centinaio sarà schierato all’uninominale in Lombardia. Roberto Calderoli sarà capolista in Lombardia 2 (Bergamo) per l’uninominale, mentre Giancarlo Giorgetti sarà, per il proporzionale alla Camera a Varese.