D’Alema: il M5S non mi preoccupa. E si allarma invece per la Lega “fascista”

domenica 21 gennaio 18:19 - DI Sara Gentile

Massimo D’Alema contro Lega, Renzi ed Emma Bonino. Salva solo i Cinquestelle. «Noi abbiamo delle discriminanti programmatiche e su questa base giudicheremo le forze politiche. Non partecipo alla criminalizzazione del M5S, primo perché non criminalizzo nessuno, secondo perché la deriva neofascista della Lega è molto più preoccupante dei cinquestelle. Quando ho fatto la mia proposta sul “governo del presidente”, l’ho fatta anche per tagliare la strada a tutto questo dibattito sterile sulle alleanze. Riconosco le ragioni di chi li vota ma è chiaro che noi a quegli elettori vogliamo offrire un’alternativa». Lo ha detto Massimo D’Alema, ospite a In mezz’ora in più su Raitre.

D’Alema: «Non capisco la scelta di Emma Bonino»

«Una volta tanto – ha poi detto commentando la frase detta da Matteo Renzi secondo il quale “il governo è nelle mani del Presidente della Repubblica” – sono d’accordo con Renzi che, dopo aver cercato, senza riuscirci, di stravolgere la Costituzione è stato costretto a leggerla». Salvo poi attaccare direttamente il Pd di Renzi: «Il ragionamento secondo cui noi sottraiamo voti al Pd non ha nessun fondamento». Non risparmia critiche neanche ad Emma Bonino. «Questa legge è un obbrobrio – ha continuato D’Alema parlando del Rosatellum – lo ha detto anche Emma Bonino, salvo che poi cercherà voti per quelli che la legge elettorale l’hanno fatta. Mi dispiace per Emma, che stimo e rispetto, siamo anche amici, ma la sua è stata una scelta che io fatico a capire».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • a.casal@alice.it 22 gennaio 2018

    Ma a processare per drettissima, per alto tradimento, questo pontificatore e tutta la pletora di sinistri che hanno mandato in rovina la nostra società e la nostra repubblica c’è qualcuno che si prende la briga di farlo? Corte dei conti. Magistratura. Corte costituzionale. Dove siete?

  • Fujsun2@gmail.com 22 gennaio 2018

    Qualcuno dica al compagno ex P.C.I. DALEMA oppure a BERSANI, oppure a P.GRASSO, che per pagare i loro illegittimi compensi pubblici, non bastano 500 operai attivi, depauperati dalle tasse, per pagargli lo stipendio.
    Quando gli operai avranno capito di essere stati beffati dai comunisti, e che converrà loro allearsi con le partite iva, allora e solo allora scoppierà una sana rivoluzione liberale contro lo statalismo e sfruttamento dei lavoratori.
    Tasse al 10% sul lavoro con detrazione di tutte le spese.
    Eliminare l’IMU.
    Eliminare Senato e Regioni.
    Comitato di partite iva e operai per la determinazione del tetto e di tutti gli stipendi pubblici, presidente compreso.
    Riduzione della spesa pubblica per azzerare il debito creato dagli statalisti (Poilitici-sindacalisti-pubblico impiego).
    Dichiarazione dei redditi con conto bancario unico e bilancio in automatico su entrate e uscite; tassando il 10% sul rimanente netto.

    F.De Benedetti ha ampaimente documentato nel suo libro “Scegliere i vincitori, salvare i perdenti “, “L’insana Idea della Politica Industriale”.
    Il fallimento cioè dello statalismo e della sua interferenza nel ‘900 “nefasta e social-massonico-comunista” nell’industria. Finanziando con i soldi dei contribuenti (autonomi, operai e dipendenti del privato, gli altri non pagano) aziende e partecipate che altro non sono che scuole della corruzione pubblica per la promozione di incompetenti e ladri di stato. Fasulli Manager Pubblici che nel privato non valgono 300euro/mese.

  • carla.rotili@yahoo.it 22 gennaio 2018

    Concordo con Pino

  • paolograffigna@alice.it 22 gennaio 2018

    Certo la Lega di Salvini è diversa da quella di Bossi che era padana e secessionista. Quella lega nord non andava certo bene a dei nazionalisti come noi, mentre la nuova Lega è nazionale e non parla più di dividere la patria in due! A chi l’Italia? A NOI!!!

  • sergio la terza 22 gennaio 2018

    BENE Sig.PINO,concordo!!!

  • sergio la terza 22 gennaio 2018

    povero baffetto teme ancora il fascismo da qualsiasi parte viene.-Baffe’ti piacere un poco di olio di ricino,come sarebbe bello tornare a quei tempi saresti in ottima compagnia……

  • maurocollavini@libero.it 22 gennaio 2018

    Hai ragione ad essere preoccupato perchè se saliamo al potere Vi toglieremo i vitalizi e ci puoi scommettere che finirai anche in galera per lo scempio che avete fatto dell’Italia in questi ultimi 30 anni

    • enzoclerico@libero.it 22 gennaio 2018

      Bravo Mauro, hai ragione, so che tempo fa il compagno D’alema possedeva una barchetta da 22 metri con generi di confort di tutto rispetto, abitava in un attico in Roma, non so dell’Inps o Inail , dove pagava 100 mila lire al mese d’affitto, e si vantava di essere nullatenente

  • riccardo.castagnoli@teletu.it 22 gennaio 2018

    Non è il fascismo (sepolto più di settanta anni fa) che fa paura, io oggi temo di più questi personaggi di sinistra che si sono arricchiti ed inborghesiti in malo modo.

  • aadriana@sfera.biz 22 gennaio 2018

    Speriamo che la destra possa cambiare la situazione e risanare l’Italia, altrimenti dovremo veramente espatriare per sopravvivere

  • avv.ballicu@katamail.com 22 gennaio 2018

    questa è la prova che la vera estrema destra è la lega, bravo salvini

    • aadriana@sfera.biz 22 gennaio 2018

      CONDIVIDO PIENAMENTE

  • Giuseppe Forconi 22 gennaio 2018

    Ahh ! Lei fa fatica a capire la Bonino…. io faccio fatica a capire lei e la Bonino messi insieme. Quanto manca alla vostra pensione ?

  • Giuseppe Forconi 22 gennaio 2018

    Domando….!!!! ma questi commenti arrivano sul tavolo di questi pseudo politici sinistroidi ?? Me lo auguro, altrimenti a cosa vale commentare??
    Grazie

  • Giuseppe Forconi 22 gennaio 2018

    ……Primo non criminalizzo nessuno…….. eccetto il FASCISMO…. sempre le solita boiata e questa tremenda paura del fascismo che non esiste piu’….. ma fatela finita ignoranti che altro non siete. Pero’ per quanto riguarda i 5 stelle …. allora si , in questo caso non c’e’ d’aver paura….. viva l’ignoranza e questa povera Italia che si e’ dovuta sorbire questa masnata di politici idioti e incapaci per oltre 50 anni, tra PCI,PSI,DC, e ora questa nullita’ del PD senza contare i diabolici 5 stelle….. allora questi vanno bene non fanno paura. …. La deriva neofascita della Lega….. ma mi rifaccia il piacere, la pianti di sfornare boiate. Qui si sta creando una destra , dico DESTRA , che contrastera’ le le future malefatte della sinistra, come vede non ho detto comunisti, perche’ il comunismo anche lui e’ morto ma solo in Italia si continua ad inneggiare a questo spauracchio ex russo. Pensate ad unirvi e ha risanare l’Italia che idee industriali e commerciali che ne ha tanto bisogno. Fatela finita.