Cile, ordigni contro la visita del Papa: tre chiese colpite a Santiago

Ordigni contro il Papa in Cile. Attentati con ordigni esplosivi si sono verificati in almeno tre chiese di Santiago del Cile, in quella che appare una violenta azione di protesta contro Papa Francesco, atteso lunedì sera nel paese latino americano per una visita pastorale di tre giorni. In una delle chiese prese di mira dagli attentatori, Santa Isabel de Hongria, è stato trovato un volantino con minacce dirette proprio contro il Papa: “Papa Francesco, le prossime bombe saranno contro la tua sottana” si poteva infatti leggere sul foglio ritrovato dalla polizia. Situata nel quartiere popolare della Stazione centrale, la chiesa ha riportato parecchi danni al portone d’ingresso e alle finestre. Un secondo attacco incendiario ha quindi colpito la chiesa Emmanuel del quartiere di Recoleta, mentre un ultimo ordigno esplosivo incendiario ha provocato alcuni danni nella chiesa di Cristo Vencedor, nella zona di Penalolén. La polizia, frattanto, sta indagando su quello che potrebbe essere stato un possibile quarto attentato nella capitale cilena. Tutti gli attacchi contro le chiese sono opera di sconosciuti e sono tutti   avvenuti alle prime ore del mattino. La tensione nel paese resta perciò alta. E si prevede quindi un enorme schieramento di forze dell’ordine proprio nelle ore immediatamente precedenti all’arrivo in Cile del Santo Padre.