Boschi fa sbellicare il web: «Bolzano? Ci vado in vacanza, io parlo un po’ di tedesco…»

martedì 30 gennaio 15:00 - di Robert Perdicchi

Ci sarebbe da ridere, se non ci fosse da piangere. La decisione del Pd di “paracadutare” Maria Elena Boschi nel collegio di Bolzano, per garantirle l’elezione certa grazie al potenziale di voti della Svp, può trovare mille legittime motivazioni, a fronte delle ironie scatenatesi sulla rete e sui giornale, ma quelle che fornisce la diretta interessata lasciano davvero interdette. Nel suo primo giro elettorale, con autografi firmati e selfie scattati e postati sui social (come quello in alto), la Boschi sostiene di essere stata candidata proprio lì quasi a sua insaputa: «Io avre scelto Arezzo, è il partito ad aver deciso e io ho accettato». Il che già farebbe sorridere, ma non basta: il massimo si raggiunge quando la sottosegretaria spiega che lei ha un rapporto “molto forte col territorio”, un rapporto “che era già molto forte, perché trascorro qui le vacanze”. E le sue gaffe sulla necessità di limitare l’autonomia della regione pronunciate alla Leopolda nel 2012? «Le ho già smentite a suo tempo e lo rifaccio adesso: mai messa in discussione. Il tedesco? Parlo solo qualche parola, ma lo imparerò…».

Ma che aveva detto esattamente la Boschi nel 2012, per poi smentire solo oggi? «Non è il momento propizio, ma sarei favorevole alla soppressione delle autonomie speciali». Idem per Matteo Renzi, che diceva le stesse cose nel suo libro “Stil Novo;” sempre nel 2012: “Ci vuole una cura radicale per risolvere il problema… Via le province, trasformate in enti di secondo livello e via le regioni a statuto speciale».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • itala piccininno 1 febbraio 2018

    ma come è possibile, va bene che la nostra è ormai solo una -italietta- anche solo a candidare un personaggio del genere -? così i crucchi che dovrebbero mettersi lo zaino in spalle e ritornarsene in Austria, avranno invece un motivo in più di farsi beffe di noi. Io parlo perfettamente il tedesco ma quando mi ritrovo in Alto Adige fingo persino di non capirli.

  • Mario Pizzolorusso. 31 gennaio 2018

    Un consiglio ai risparmiatori della provincia di Bolzano : cominciate a ritirare i soldi dalle vostre banche. Fate presto!!!!

  • bruno 31 gennaio 2018

    Occhio alle banche!!!!!!!!!!!!

  • C. Brandani 31 gennaio 2018

    Mauro, perchè non hai menzionato anche i treni che arrivano in orario, la buona scuola, l’assenza di malaria, le paludi bonificate e tutto il resto che c’è di buono a Bolzano e dintorni?

  • giorgio 31 gennaio 2018

    che cosa deve accadere ancora per delegittimare codesta “classe politica”, classe e politica si fa per dire. Candidata a sua insaputa! imparero’ il tedesco! avrei preferito Arezzo! come diceva il buon Bracardi in quel di scarpantibus””…….in galera……..””

  • amerigo 31 gennaio 2018

    Confermo la mia opinione di qualche giorno fa: fraulein Bosky è più falsa di una banconota da 12 euro, come, del resto, tutti i PD

  • Ben Frank 31 gennaio 2018

    Egregio avvocato Ballicu: gli elettori della SVP non sono tedeschi, al massimo si potrebbe dire, che i loro nonni erano sudditi austriaci. A parte ciò, comincia bene Fräulein Boski, avete visto che due “tirolesi” ben abbronzate ha di fianco? Attenti tognini, questa strega travestita da fatina vuole solo rifilarvi clandestini, oltre a salvare la poltrona per le sue belle chiappette. Poi parla due-parole-due di tedesco… embè? Io vivo da oltre 30 anni in Germania e di tedesco ne conosco ben di più di Marien Etrurien, a che mi dovrei candidare, a Reichsführer der Togninen? Ma vedi di andare affankulen!

    • giorgio 31 gennaio 2018

      condivido in toto, soprattutto l’ultima parte, anzi l’ultima riga, insomma l’ultima parola. Quando si dice” c’hai la faccia come un c………”, forse e’ riduttivo.

  • lucio 31 gennaio 2018

    semplicemente schifosa e ridicola!!!!!!

  • Gino Vercesi 31 gennaio 2018

    dato che Bolzano é in ITALIA la Boschi dovrebbe solo parlare l’Italiano, che problema sarebbe “dover imparare a parlare il tedesco ??? ”
    dovrebbero essere i Locali ad imparare l’Italiano….. !!!

    • Mauro 31 gennaio 2018

      Gli italiani di madre lingua tedesca parlano chi più chi meno abbastanza correntemente l’italiano; Godono di una speciale autonomia che i vincitori della II^ guerra mondiale le hanno dato e che il governo italiano è stato costretto a promulgare nonostante non lo volesse. Sono nato a Bolzano ed ho sempre fatto a cazzotti con gli indigeni. Poi ho girato un po l’Italia per lavoro e sono tornato a BOlzano alcuni anni fà. Bè mi sono accorto della pulizia laboriosità etc. degli indigeni ed avendo casa anche a Bolzano ho deciso di metterci la residenza e di andarci a passare la vecchiaia. Non ci crederete ma nell’amministrazione pubblica sono secoli avanti a noi italiani e se l’Austria dovesse offrire il doppio passaporto sarò in fila per averlo. In Italia Abbiamo una manica di incapaci e/o ladri al potere ormai da quasi 50 anni. Un debito pubblico immane che i governanti continuano ad aumentare, una disoccupazione molto alta, e continuaiamo a buttare suldi dalla finestra (Vedi migranti).Questi sono i motivi per cui se me lo offriranno diventerò austriaco.

      • Luciano Vignati 31 gennaio 2018

        Bella forza, statuto speciale, soldi che restano tutti nella provincia e altri privilegi strani tanto che i consiglieri del governo locale hanno potuto distribuirsi fra di loro un sacco di soldi. Le altre regioni, in particolare la Lombardia e il Veneto devono lottare tutti i giorni con una massa di politici (cosiddetta sinistra c******) e versare al governo centrale una massa di soldi che in parte arrivano anche alle provincie a statuto speciale. Da parte mia se la Boschi venisse eletta, cancellerei a vita il Trentino alto Adige dai miei programmi turistici, estivi e invernali.

  • claudio 31 gennaio 2018

    viene ad infettare anche il Trentino

  • eddie.adofol 31 gennaio 2018

    io ti manderei in Africa x tutta la vita e anche il tuo spasimante matteo.

  • Francesco 31 gennaio 2018

    Se ci si reca a Bolzano,non è necessario conoscere il tedesco,basta conoscere l’italiano——:)

  • GIAN GUIDO BARBANTI 30 gennaio 2018

    Mentecatta

  • avv. alessandro ballicu 30 gennaio 2018

    mi auguro che i tedeschi del partito sudtirolese non votino la peggiore minstra della storia italiana