Bomba di neve su New York: disagi, freddo e gelo deflagrano ovunque (I VIDEO)

venerdì 5 gennaio 10:30 - DI Lorenza Mariani

Basta guardare i video postati su Youtube che, tra l’altro, registrano l’inedito spettacolo della cascate del Niagara trasformate in lastre di ghiaccio per capire come e quanto le temperature nella zona al confine fra Stati Uniti e Canada, dove le temperature hanno toccato i -26 gradi il primo giorno dell’anno, per rendersi conto dell’esigenza climatica che sta assediando Stati Uniti e dintorni.

Bomba di neve su New York: disagi e timori

Un vortice polare tra i più minacciosi, quello che sta tenendo sotto scacco la East coast in particolare in queste ore, che ha portare temperature artiche e un vero e proprio “ciclone bomba” che sta sferzando ormai da ore la costa orientale degli Stati Uniti, con neve e forti venti che hanno investito 13 Stati, dal Maine fino alla Florida, imbiancata per la prima volta dopo 30 anni. La neve è arrivata anche in Georgia e in Carolina del Sud, con un record di 12 centimetri che non si vedeva ristabilito dal 1989. Non solo:  secondo i dati del portale FlightAwarae, almeno 3580 voli sono stati cancellati e 1236 sono stati ritardati a causa delle condizioni estreme del tempo. Media locali, che in queste ore riportano notizie sui disagi alla viabilità su strada e gli aggiornamenti sul traffico aereo paralizzato dalle avverse condizioni climatiche, fanno sapere che il ciclone bomba, ovvero il brusco abbassamento della temperatura di vari gradi sotto la media, è iniziato ieri e dovrebbe raggiungere un picco domani con temperature di -8 gradi in Florida e -27 a New York e Boston. Già oggi tutti gli aerei sono rimasti a terra negli aeroporti di New York a causa dei forti venti, mentre il sindaco Bill De Blasio ha avvertito che in alcune parti della città la neve potrebbe arrivare a 25 centimetri di altezza e le raffiche di vento a 80 chilometri orari. A Washington è prevista una temperatura di -17 gradi. Maine e New Jersey hanno ordinato la chiusura di tutti gli uffici statali, mentre in Connecticut è in vigore lo stato d’emergenza e nei negozi si sono già registrate inquietanti scene di accaparramento di beni alimentari e acqua minerale.

Gli ultimi aggiornamenti sul traffico aereo

Nel frattempo, dagli ultimi aggiornamenti riportati poco fa dal sito dell’Ansa, si apprende che «riprenderanno solo dalle 7:00 del mattino di oggi (le 13:00 in Italia) i voli all’aeroporto internazionale JFK di New York, sospesi ieri a causa dei forti venti e delle condizioni di gelo… La sospensione dei voli all’aeroporto La Guardia è stata frattanto revocata, ma le autorità suggeriscono ai passeggeri di contattare le loro compagnie aeree per chiedere specifiche informazioni sui voli, prima di mettersi in viaggio per lo scalo».

 

Commenti

Rispondi a Mario moretta Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • morgar@alice.it 5 gennaio 2018

    Buon global warming…….. a tutti …… ma quando cominceremo a usare i neuroni in maniera corretta????
    Se il sole e’ il principale fornitore di calore, anzi l unico a meno di non voler andare a vivere sottoterra usando il calore geotermico , il sole regola e scandisce la vita.
    Dipenderà poi da fattori di rotazione , precessione e nutazione della terra e dalla dinamo solare .
    Ma se i romani coltivavano la vite in Britannia un motivo ci sarà stato…..la Co2 serve alle piante per renderle più rigogliose …… invece tutti gli altri metalli e scarti radioattivi e non dovrebbero essere controllati e via via ridotti per evitare di finire di avvelenare l umanità.
    Ma sicuramente e’ più facile rimbecillire tutti con sta bufala dell anidride carbonica,che rende o se rende…….
    Saluti e cominciate a preoccuparvi del global cooling …..che ammazza e produce carestie .