Boldrini scrive a Zuckerberg: “Via da Fb pagine e siti fascisti” (video)

martedì 23 gennaio 17:06 - di Redazione

«I siti e le pagine di Facebook, che aumentano continuamente, che inneggiano al fascismo e al nazismo vanno chiuse. Sono le pagine della vergogna». Lo dice la presidente uscente della Camera Laura Boldrini aggiungendo di avere sollecitato direttamente il fondatore del Social network perché intervenga. «Ho anche scritto a Mark Zuckerberg per sottolineare  quanto questa non sia una dimensione sostenibile con una democrazia. Il fascismo e il nazismo sono state tragedie globali e non ci si può limitare a dire che l’apologia del nazismo o del fascismo è reato solo in Italia, altrimenti si diventa parte del problema. Mi auguro ci sia più attenzione e sollecitazioni nei confronti di questa piattaforma e del fatto che sta diventando parte del problema, con la diffusione di un pensiero criminale che ha causato morte nel nostro continente ma non solo».

boldrini-contro-fb

Boldrini: “Chiudere i siti che inneggiano al fascismo”

«In tanti ancora oggi – sottolinea l’esponente di estrema sinistra – sottovalutano il pericolo rappresentato dal proliferare di gruppi, soprattutto di ragazzi, che si ispirano al fascismo e al nazismo e professano idee di odio e riprendono il vecchio armamentario fascista e antisemita sostenuto dalla falsità del negazionismo e revisionismo». Le dichiarazioni della Boldrini sono state raccolte nel corso di un convegno organizzato a Montecitorio, in occasione del Giorno della Memoria. L’esponente di Liberi e Uguali ha anche riservato un apprezzamento per l’arrivo in Parlamento di Liliana Segre, sopravvissuta ai campi di concentramento nazisti, cogliendo l’occasione per attaccare la Lega e il candidato in Lombardia, Fontana. «Con la nomina di Liliana Segre senatrice a vita, ha detto Boldrini, il presidente Mattarella ha risposto nel modo migliore possibile a questi rigurgiti sulla razza».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • ANTERO 24 gennaio 2018

    bla bla bla …

  • Giovanni 24 gennaio 2018

    Via la politica da Facebook, hanno già i mass media.

  • Francesco Ciccarelli 23 gennaio 2018

    A proposito dell’antisionismo, ricordo le mappe del Medio Oriente, esposte dai “collettivi” nelle facoltà universitarie: c’era solo la Palestina, ma mancava Israele.

  • Maurizio Argentieri 23 gennaio 2018

    Non se ne può più della Boldrini e delle sue reminescenze partigiane e comuniste. La pericolosa deriva comunista (di influenza bolscevica) è stata (per fortuna dell’Italia tutta) scongiurata nel 1922 dalla “Marcia su Roma” con successivo insediamento al governo del paese del Cavalier Benito Mussolini, Duce del Fascismo, già fondatore del Popolo D’Italia prima e dell’Impero dopo. Però attenzione perché la pazienza ha un limite e secondo me è questo limite è stato superato (è dal 1945 ad oggi che l’Italia moderata, cattolica, liberale e della destra sociale e democratica stà sopportando i catto-comunisti), quindi auspico che non appena il Centro Destra tornerà al governo del nostro paese, prenda gli opportuni provvedimenti in merito, modificando in primis la Costituzione (comprese le “razziste” disposizioni transitorie contro la ricostituzione del glorioso PNF che salvò l’italia dalla rivoluzione bolscevica che stava paralizzando, complici i sindacati comunisti con scioperi pretestuosi l’intero assetto industriale nel Nord-Italia). Un Paese (con la P maiuscola) non può dirsi democratico se emargina una parte politica, consentendo ad un’altra parte politica partigiana e comunista (ancorchè minoritaria nel paese) di ergersi a puri e democratici che non sono!

  • Mikael Bolshitkov 23 gennaio 2018

    I am not a Fascist or Nazi sympathizer, but in the USA we have freedom of expression it is a guaranteed right under the our Constitution. We are a society which respects our founding fathers ideals of a true Democracy. I can not respect Boldrini for interfering with our constitutional laws. Her phobia should only apply to Italy!!! Not the USA…Facebook is protected by our Constitution, this is the reason why we have political longevity and we have no phobia about Fascism and Nazism..

  • Babbone 23 gennaio 2018

    prrrrrrrrr.